Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bar e ristoranti, ricognizione del Comune conclusa. «Per Ferragosto non emergono criticità». Guida sui locali aperti

Bar e ristoranti, ricognizione del Comune conclusa. «Per Ferragosto non emergono criticità». Guida sui locali aperti
di Simone Lupino
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Agosto 2022, 05:40 - Ultimo aggiornamento: 14:46

A Viterbo sarà un Ferragosto a prova di turista. Parola dell’assessore al Silvio Franco (Sviluppo economico locale e turismo) dopo un sondaggio eseguito tra bar, pizzerie, ristoranti, trattorie, paninoteche, caffettiere della città per capire quante tra queste attività resteranno aperte in quel periodo.

“Per quanto riguarda la questione delle chiusure degli esercizi di ristorazione nelle giornate di Ferragosto, uscirà a breve un apposito comunicato – ha detto ieri l’assessore al Messaggero -. Posso comunque anticipare che è stata eseguita una ricognizione puntuale dagli uffici preposti e che la situazione che ne risulta non evidenzia particolari criticità”.

L’allarme era scattato nei giorni scorsi perché a differenza degli altri anni Palazzo dei Priori non aveva pubblicato ancora l’avviso che serviva a “garantire idonei livelli di servizio”. Funzionava così: i gestori che intendevano chiudere per ferie le proprie attività nei giorni intorno a Ferragosto – periodo in cui si registra il numero più alto di saracinesche abbassate - dovevano inviare apposita comunicazione al Comune a mezzo pec. Le comunicazioni venivano poi valutate dagli uffici di palazzo dei Priori. Qualora in base a detta valutazione si fosse riscontrata la carenza di un adeguato livello di esercizio, si provvedeva a variazione dei turni di chiusura.

Gli esercenti venivano invitati a trovare una soluzione tra loro. In alternativa poteva intervenire il Comune di imperio, ma non si è mai arrivati a tanto. Il Comune pubblicava infine un elenco con il nome di tutte le attività aperte, sia del centro storico che delle periferie, in modo che tutti fossero informati. Non si trattava di un servizio obbligatorio, ma sicuramente utile. A introdurre questa pratica fu l’ex assessore Alessia Mancini.

L’assessore Silvio Franco spiega intanto che “è stata prodotta una lista dei locali aperti in tutto il centro storico che sarà disponibile per cittadini e turisti presso l’Ufficio Turistico e il centralino dei vigili urbani”.

Dal punto di vista turistico, quali sono le previsioni? “Diciamo che Viterbo e tutta la Tuscia sono nella stessa situazione – spiega il presidente provinciale di Federalberghi Luca Belletti -. I numeri sono abbastanza buoni, anche se non abbiamo il boom degli ultimi due anni: l’occupazione delle camere per ora si attesta intorno all’80 per cento. Ci sono ancora problemi legati al Covid, disdette dell’ultimo minuto dovute ai contagi, o rinvii. Ci aspettiamo molte prenotazioni last minute. I numeri comunque non sono da buttare via. Altre difficoltà non ce ne sono, al di là della difficoltà di trovare personale nel settore”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA