Ricreati in laboratorio cristalli alieni di Titano

EMBED
Continua a riservare sorprese la più grande luna di Saturno, Titano. La superficie ai bordi dei suoi laghi di idrocarburi potrebbe essere ricoperta da cristalli mai visti sulla Terra. Si tratta di "minerali molecolari", cioè strutture che si comportano come minerali ma sono fatte di molecole organiche. E' quanto emerge dal congresso di Astrobiologia in corso a Seattle, negli Stati Uniti, dove il gruppo del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa ha mostrato i risultati ottenuti ricostruendo in laboratorio le condizioni della luna di Saturno.

Nasa, annunciata la missione per Titano

I ricercatori hanno ottenuto cristalli fatti di acetilene e butano, due composti organici prodotti nell'atmosfera di Titano che poi precipitano in superficie sotto forma di pioggia di idrocarburi. In base agli esperimenti compiuti al Jpl, questi cristalli formano strutture ad anello attorno ai laghi di metano di Titano. In precedenza, lo stesso gruppo aveva osservato, sempre in laboratorio, la formazione di altri due tipi di minerali fatti da molecole organiche, formati però da benzene con etano, e da acetilene insieme ad ammoniaca.

«Avevamo già dimostrato che alcune molecole organiche, in condizioni di laboratorio analoghe a quelle di Titano, formano questi tipi di cristalli», hanno spiegato i ricercatori del Jpl. «Ma quelli di acetilene e butano potrebbero essere i più comuni sulla luna di Saturno. La loro formazione è, infatti, favorita dalle rigide temperature di Titano, che toccano stabilmente i -180 gradi centigradi. Non sappiamo se questo paesaggio sia ciò che davvero vedremmo se fossimo su Titano, ma - hanno concluso - abbiamo tanti indizi promettenti, a partire dalle immagini della sonda Cassini».

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri