Revenge porn, la madre di Tiziana Cantone si commuove: «Responsabilizzare giganti web»

EMBED
(LaPresse) Non trattiene le lacrime Maria Teresa Giglio quando ricorda gli ultimi momenti passati con la figlia Tiziana Cantone, morta suicida dopo la diffusione sul web di suoi video privati, alla presentazione in Senato del ddl No revenge porn del Movimento 5 Stelle. "Per la prima volta vedo un po' di luce, vedo che qualcuno ha ascoltato il mio grido di aiuto - ha detto la mamma di Tiziana - quello che è successo a Tiziana può accadere a tutti. Internet è diventato una piazza per delinquere. Questi colossi del web devono essere responsabilizzati".

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani