Omicidio Vannini, il padre: «Credo che i giudici abbiano ben chiaro in testa quello che è successo»

Video
EMBED

«Sono stati in silenzio per sei anni e a ridosso della Cassazione si mettono a parlare sui social. E' una cosa che dovrebbe far pensare tutti». Lo ha dichiarato Valerio Vannini, padre di Marco, fuori dalla Corte di Cassazione dove è attesa la sentenza definitiva per la famiglia Ciontoli. «Loro sperano di incidere sulla decisione della Corte, ma credo che i giudici hanno ben chiaro in testa quello che è successo. Loro possono dire tutto quello che vogliono, ma serve solo a loro per una sorta di difesa che non so definire. Dovevano parlare sei anni fa dentro le aule di tribunale e forse usciva la verità», ha aggiunto il padre della vittima. (LaPresse)

Italia-Svizzera 3-0: il videocommento di Ugo Trani