Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gas logistica, la preoccupazione dei distributori: «Riduzione dell'Iva o sciopero»

EMBED

Un intervento governativo oppure sarà sciopero. Assopetroli-Assoenergia e Federmetano oggi a Roma annunciano una agitazione per il 4, 5, 6 maggio qualora non ci fossero interventi del governo per fare chiarezza sul caro energia. "Noi siamo preoccupatissimi perchè abbiamo segnalato il problema a settembre e nessuno ci ha convocato, poi noi siamo dei passeggeri di questo sistema e non sappiamo dove andremo a finire e quanto durerà. Chiediamo di essere ascoltati. Ad esempio: tutti questi paesi stranieri che stiamo contattando per avere altro gas quanto ci costerà? Quanto ce ne daranno?" sottolinea Flavio Merigo, presidente di Assometano. "Parliamo di sciopero perchè il 10% del settore è già fermo. C'è stata un apertura del governo negli ultimi giorni ma se anche nel prossimo provvedimento del governo non ci sarà una riduzione dell'Iva dal 22% al 5% saremo costretti a fare quello che responsabilmente non abbiamo ancora fatto" sottolinea invece Daniele Natali, presidente di Federmetano. "Il trasporto e logistica che usa gas sta vivendo una situazione di insostenibilità. A questo livello di prezzi il settore implode quindi bisogna ridurre l'Iva come per altri settori che usano gas nella combustione e quindi nel riscaldamento" conclude Andrea Rossetti, presidente di Assopetroli e Assoenergia. (Lapresse)