Pedofilia, il Papa accelera le dimissioni del cardinale di Washington Wuerl per avere coperto McCarrick

Venerdì 12 Ottobre 2018 di Franca Giansoldati
Città del Vaticano – Ultimamente era stato contestato nella basilica di Washington, al grido di: vergogna dimettiti. Il cardinale americano Donald Wuerl da quando è scoppiato il caso McCarrick dopo la denuncia di monsignor Viganò, è stato costretto ad accelerare le sue dimissioni.  Le coperture che ha dato all’ex cardinale molestatore di seminaristi hanno reso la sua permanenza a capo dell’arcidiocesi americana sempre più difficile. Tecnicamente le dimissioni le aveva presentate allo scoccare dei 75 anni, ma Papa Francesco lo aveva pregato di rimanere ancora un po’, come è in genere la prassi. L’esplodere del caso McCarrick ha reso tutto più complicato. La sua uscita di scena e' stata accompagnata da una lettera personale di Papa Francesco che lo nomina amministratore apostolico fino  all’annuncio del suo successore. Un escamotage che dimostra che il Papa gli riserva stima, cosa che non ha fatto  con i 5 vescovi cileni dimissionati recentemente sempre per una storia di coperture ai pedofili. Nel testo il Papa elogia il cardinale Wuerl  per la decisione da lui presa di lasciare l’incarico per il  bene della Chiesa e della sua unita’. «Riconosco nella tua  richiesta - scrive il Papa a Wuerl - il cuore del pastore che,  allargando lo sguardo per riconoscere un bene maggiore che puo’  giovare alla totalita’ del corpo, privilegia azioni che sostengano, stimolino e facciano crescere l’unita’ e la  missione della Chiesa al di sopra di ogni tipo di sterile  divisione seminata dal padre della menzogna, il quale, cercando  di ferire il pastore, non vuole altro che le pecore si  disperdano».

Nominato arcivescovo di Washington nel 2006 da Benedetto  XVI succedendo all’allora cardinale McCarrick - poi sanzionato da  Papa Francesco che gli ha tolto la porpora a seguito di una  fondata denuncia per abuso su un minore avvenuta a New York nei  primi anni Settanta - Wuerl aveva già presentato le dimissioni  nel novembre 2015, al compimento dei canonici 75 anni. Ma aveva
ottenuto una proroga.

«Possiedi elementi sufficienti  per giustificare il tuo agire e distinguere tra ciò che  significa coprire delitti o non occuparsi dei problemi, e  commettere qualche errore. Tuttavia, la tua nobiltà ti ha
condotto a non usare questa via di difesa. Di questo sono  orgoglioso e ti ringrazio», ha scritto Francesco nella sua  lettera a Wuerl.
  Ultimo aggiornamento: 20:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA