MIGRANTI

Il cardinale Bassetti perde la pazienza: «Criticare il Papa va bene, ma questo distruttismo no»

Sabato 25 Gennaio 2020 di Franca Giansoldati
3
Il cardinale Bassetti perde la pazienza: «criticare il Papa va bene, ma questo distruttismo no»

Il cardinale Gualtiero Bassetti notoriamente conosciuto per il suo buon carattere e la mitezza d'animo deve aver perso le staffe. Troppe critiche nella Chiesa verso Papa Francesco. «Se a qualcuno non piace questo Papa lo dica perché è libero di scegliere altre strade. Criticare va bene ma questo distruttismo no». Lo «sfogo», come l’ha chiamato lui stesso, è stato fatto sabato mattina, a Perugia, incontrando la stampa locale in occasione dei festeggiamenti per il patrono della categoria, San Francesco di Sales. Lo ha riportato Umbria24 ed è subito stato ripreso dal sito para-vaticano Sismografo.

Il porporato stava annunciando la cornice programmatica del prossimo meeting che la Cei farà a Bari intitolato «Mediterraneo, frontiera di pace», quando si è irritato per i continui richiami negativi a questo pontificato per l'impegno che viene profuso da Francesco a favore degli immigrati.  «Scusatemi per lo sfogo – ha aggiunto – ma l’obiettivo di tutti deve essere quello di cercare risposte per il bene della Chiesa e dell’umanità». Un tema divisivo nella Chiesa, quello dei migranti, come del resto testimonia un elettorato cattolico spaccato e orientato verso la Lega. Ormai non è un mistero per nessuno che la predicazione dei "porti aperti" non sempre viene accolta in modo omogeneo nelle parrocchie e in tante diocesi.

All'interno della Chiesa però anche altri temi stanno spaccando la base. Per esempio l'ipotesi di riforme a favore dell'abolizione del celibato dei preti e del sacerdozio femminile. Temi sui quali si stanno confrontando alcune conferenze episcopali del Nord Europa. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani