«Venite tutti a ripulire il fiume Topino». L'appello di Valerio, giovane di Foligno, per salvaguardare l'ambiente

Venerdì 4 Settembre 2020 di Giovanni Camirri
FOLIGNO  -“Non inquinare è un dovere, e tenere puliti i luoghi è segno di civiltà. E’ per questo che, dopo alcune occasioni in cui mi sono trovato faccia a faccia con la la sporcizia lasciata lungo le sponde del fiume Topino mi sono detto che era ora di fare qualcosa. Sono partito da solo ed ora ho lanciato questa idea che punta a coinvolgere quante più persone possibili”. A lanciare questa appello è il folignate Valerio Tosti che amplificato una idea di Riccardo Agostini con la quale si da appuntamento a quanti vorranno prender parte a questa pulizia del Topino, domenica 6  nell’area del parcheggio dell’ex-Zuccherificio “dalle 11 fino ad esaurimento energie”. Di recente Tosti aveva scritto sul suo profilo Facebook: “In questi giorni mi sono preso la briga di ripulire il percorso sul fiume topino dall'immondizia di cui è cosparso rendendomi conto però che da solo potrebbe volerci più tempo del previsto”. Ed è da qui che ha preso forma la volontà di allargare l’idea di tener pulito a chiunque voglia aderire a questo spontaneo progetto civico. “Se aspettiamo che qualcuno pulisca per noi – prosegue - o che il magico mondo delle fate faccia scomparire tutto con una meravigliosa magia, temo che continueremo ad aspettare almeno finché non ci ritroveremo a correre su un tappeto di plastica, cartacce”. Nel post che annuncia l’appuntamento di domani c’è scritto anche “dream team” e a spiegarne il significato è ancora lo stesso Valerio Tosti. “Dream è il sogno – dice – di un mondo che sia pulito e il team è l’insieme di persone che con i propri comportamento lo rendono possibile”. L’idea è buona, certo non è il primo intervento del genere che nel tempo è stato organizzato a Foligno così come in altre città, ma è il primo che parte dalla gente e che unisce le diverse singolarità per un progetto comune senza etichette: mantenere i luoghi puliti nel rispetto delle persone e dell’ambiente. “Ho avuto modo di vedere – ricorda Tosti – che in più parti del mondo queste cose già si fanno. Anche l’azione di un singolo, come quella ragazza che raccoglieva bottiglie, può fare la differenze. Ora c’è da fare un passo in più e cioè allargare a chiunque voglia la possibilità di partecipare ad un qualcosa che dovrebbe essere la normalità e penso alla pulizia del fiume. E che inoltre non dovrebbe nemmeno esistere se si evitasse di gettare rifiuti dove capita compromettendo, talvolta anche in maniera irreversibile ciò che invece va preservato – conclude - e cioè l’ambiente”. Una bella iniziativa, davvero, quella che si svolgerà domani e alla quale può partecipare chiunque purché armato di amore per la città, per il territorio e per l’ambiente. Si parte alle 11 dalla zona dell’ex Zuccherificio per dare un segnale a tutti, relativamente alla necessità sempre più impellente di mantenere ai massimi livelli di rispetto, in tutte le declinazioni di questa complessa parola.
  Ultimo aggiornamento: 21:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA