«Ciao caro, come stai?» e poi l'abbraccio truffaldino per scippare l'anziano in strada

«Ciao caro, come stai?» e poi l'abbraccio truffaldino per scippare l'anziano in strada
2 Minuti di Lettura
Martedì 23 Agosto 2022, 19:03 - Ultimo aggiornamento: 19:05

PERUGIA - Si avvicina, due moine e il gioco è fatto: l'abbraccio a portare via portafoglio o l'oro appeso al collo. Ma la super esperta della tecnica dell'abbraccio stavolta ha dovuto fare i conti con le indafini lampo dei carabinieri di Farneto, che evidentemente territorio e persone li conoscono meglio di lei, e intanto si è beccata una denuncia in quanto presunta responsabile di un furto con destrezza commesso in danno di un perugino di 82 anni.

Lei è una quarantenne che vive a Perugia e che gira per le strade puntando gli anziani soli: un «Ciao caro come stai?» e un atteggiamento affettuoso fanno inevitabilmente abbassare le difese di chi pensa di essere al centro dell'attenzione di una donna molto più giovane e invece non capisce ancora di essere vittima di una truffa. A quel punto per la donna è un secondo passare all'abbraccio e sfilare quanto di prezioso l'anziano in cui si è imbattuta sta indossando.

L'ultimo assalto è avvenuto una mattina di inizio agosto, quando l’ottantaduenne che stava passeggiando tranquillamente per le vie della frazione di Ramazzano è stato avvicinato dalla donna che, prima gli ha rivolto alcuni convenevoli e poi improvvisamente lo avrebbe abbracciato, sfilandogli repentinamente la collanina d’oro che aveva al collo, per poi dileguarsi velocemente a piedi. La modalità utilizzata dalla donna è quella comunemente conosciuta come «tecnica dell’abbraccio» che vede generalmente vittime persone anziane, in quel momento sole, e quindi più vulnerabili. L’episodio accaduto, come in altri casi analoghi, in una zona priva di videocamere che avrebbero potuto riprendere i fatti, non ha impedito ai Carabinieri di risalire all’identità della donna, conosciuta dalle forze dell’ordine del capoluogo umbro e del suo hinterland, in quanto avvezza a reati predatori anche commessi con la tecnica in questione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA