CORONAVIRUS

Dalla Regione 900mila euro per guide turistiche e taxi

Mercoledì 7 Ottobre 2020
Guide turistiche ad Assisi

PERUGIA - Assegnati dalla giunta regionale 900mila euro per il settore trasporto passeggeri, taxi compresi, e le professioni turistiche penalizzate dalla crisi economica connessa all’emergenza epidemiologica. «La Regione Umbria conferma l’attenzione verso il settore turistico, centrale nella ripartenza dopo la fase più acuta dell’emergenza - spiega l’assessore regionale al Turismo, Paola Agabiti - con questa misura specifica integriamo gli interventi a favore degli operatori di un comparto messo a dura prova, ma allo stesso tempo con grandi potenzialità da mettere a sistema e valorizzare».

«Abbiamo ritenuto opportuno mettere in campo misure volte a sostenere alcune tra le categorie più colpite dall’emergenza Covid-19 e che rappresentano un elemento chiave del nostro sistema turistico», rimarca il collega di giunta Michele Fioroni. Toccherà a Sviluppumbria gestire l’intervento. La delibera prevede l’attivazione di una misura straordinaria di indennizzi a fondo perduto di1.500 euro per le attività delle guide e degli accompagnatori turistici e per le attività di trasporto con taxi, noleggio di autovetture con conducente e di euro 4.000 per ciascuna impresa di bus turistici. Sviluppumbria provvederà anche ad emanare l’avviso e all’indicazione delle modalità di presentazione delle domande e di erogazione del contributo.
«In questo momento di grave crisi del comparto turistico, la nostra categoria si trova in una situazione di reale difficoltà - dice Maddalena D'Amico, presidente Associazione guide turistiche Umbria - nonostante le presenze turistiche in aumento registrate negli ultimi mesi, le occasioni di lavoro per le guide professioniste non sono ancora sufficienti, manca la quasi totalità del turismo estero organizzato in gruppi e il pubblico italiano non sempre usufruisce del servizio di visita guidata. Inoltre, ci troviamo di fronte a un fenomeno dilagante di abusivismo perpetrato da soggetti non abilitati. In questa situazione, l'intervento della Regione Umbria rivolto ai professionisti del settore, è di fondamentale importanza e riconferma l'interlocuzione proficua fra la categoria delle Guide Turistiche e le istituzioni competenti. Sin dall'inizio dell'emergenza sanitaria, le istituzioni hanno aperto un dialogo, avvenuto sia su piattaforma che in presenza, con le Guide e ne hanno accolto le istanze. L'intervento economico arriva anche in vista di un periodo di flessione turistica, dovuta alla bassa stagione, e alla situazione generale ancora precaria».

Ultimo aggiornamento: 20:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA