CORONAVIRUS

I sindaci umbri insieme all'Italia per il minuto di silenzio; ad Arrone e Montefranco nuove iniziative solidali

Martedì 31 Marzo 2020 di Beatrice Martelli
Foto di Provincia Terni Ufficio Stampa
TERNI      Come reagiscono i comuni del ternano all’emergenza Covid-19? Sia con azioni simboliche sia con azioni concrete. In contemporanea con tutta l’Italia, infatti, i sindaci hanno preso parte al minuto di silenzio che era stato previsto per mezzogiorno, andando ad aggiungere i loro tasselli al mosaico della solidarietà e della memoria per le vittime del virus. Molti sindaci hanno anche annunciato una diretta Facebook: tra loro c’erano Francesco de Rebotti, sindaco di Narni, Laura Pernazza, sindaca di Amelia, Guido Grillini, di Calvi, Gianluca Filiberti di Lugnano, Rachele Taccalozzi di Montefranco, Marsilio Marinelli di San Venanzo e Giovanni Ciardo di Alviano. Dalla Provincia, il presidente Lattanzi ha detto in proposito: «Siamo uniti per la guerra contro un nemico invisibile. L’intera provincia di Terni si è unita idealmente all’Italia nel ricordo delle vittime; è stato anche un momento che è servito anche a rendere omaggio al sacrificio e all’impegno dei medici e degli operatori sanitari, e per abbracciarci idealmente tutti».
Nel frattempo, per aiutare chi più è in difficoltà, ad Arrone e Montefranco è cominciata la distribuzione gratuita di generi alimentari. L’iniziativa viene dai comuni, e a Montefranco un significativo aiuto economico per la spesa è venuto dall’associazione ternana «I Pagliacci». Nel frattempo il comune di Arrone continua a giocare tutte le sue carte: è pronto il servizio di supporto psicologico telefonico (disponibile al 34703255693 il venerdì dalle 15 alle 17) ed è aperta la possibilità di offrire generi alimentari, lasciandoli pagati al momento della spesa per consentirne in un secondo momento la distribuzione. Ultima iniziativa, ma non per importanza, è il lancio di una raccolta fondi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani