CORONAVIRUS

Gara di solidarietà, ad Amelia scende in campo il cuore

Venerdì 17 Aprile 2020 di Francesca Tomassini
Da sinistra la sindaca Laura Pernazza e la squadra dei Vigili del Fuoco del nucleo di Amelia
AMELIA -Continua la gara di solidarietà a supporto dell'Amministrazione nella gestione dell'emergenza Coronavirus sul territorio comunale. Associazioni, soccorritori, forze dell'ordine, privati cittadini, imprenditori, ognuno secondo le proprie competenze e possibilità è sceso in campo per donare qualcosa e dare una mano. "Grazie ai Vigili del Fuoco del distaccamento di Amelia! Oggi -ha raccontato la sindaca Laura Pernazza in un messaggio sulla sua pagina ufficiale- dopo una raccolta fondi in caserma, mi hanno consegnato derrate alimentari da destinare alle famiglie amerine che in questo momento stanno avendo più difficoltà". 
Altri alimenti, secondo la propria categoria merceologica sno stati donati da imprenditori locali. "Grazie ai Molini Popolari Riuniti per averci donato 300kg di farina da consegnare alle famiglie bisognose - ha scritto sempre la Pernazza in un altro post-" mentre qualche giorno fa era stata la volta del mulino Suatoni che aveva fatto pervenire al Comune diversi cartoni di olio. 
Un grande lavoro è in corso anche sul fronte dei dispositivi di protezione individuale. 
"Anche i nostri cittadini non sono stati a guardare - ha precisato la Sindaca - dal 5 Aprile le giornate si sono contraddistinte da un fermento entusiasmante di tante anime generose e solidali che hanno dato vita a frenetiche attività per la realizzazzione delle mascherine antivirus unite da un unico obiettivo "INSIEME CE LA FAREMO".
Ad oggi ventuno giovani sarte di Amelia, Collicello, Frattuccia, Sambucetole e le Suore di S Magno hanno confezionato circa 1000 mascherine. E altre 1000 sono in cantiere.
"Questo straordinario lavoro - ha spiegato la Pernazza - naturalmente è supportato da generosi donatori di stoffa, elastici, etichette,  tnt (Salvaterra, Lidio, Bruno Dominici, Alessandro Asciutti, Ferriservice, Giuliana Galeazzi, Francesca Giuffrida, le Parrocchie dei 3 Castelli Sambucetole-Collicello e Frattuccia)".
La distribuzione delle prime mascherine inizierà questo fine settimana nelle frazioni di Porchiano, Macchie, Montecampano e Foce. Proseguirà la prossima con Fornole, Sambucetole, Collicello e inizierà anche ad Amelia. Le consegne saranno curate dalle Pro-Loco, dalle Contrade e da altre Associazioni. 
"Per ovvi motivi di sicurezza e per evitare di fare uscire le persone - ha chiuso la Pernazza-  le mascherine saranno consegnate a domicilio, prevalentemente nelle CASSETTE della POSTA. In relazione all'elevato numero dei nuclei familiari (5.382) in questa prima fase sarà consegnata una mascherina per ogni famiglia. Sarà nostra cura qualora venissimo in possesso di ulteriori dispositivi di proseguire la distribuzione. Nel frattempo ci auguriamo che si possa normalizzare la reperibilità delle stesse sul mercato".
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani