Foligno, rifiuti abbandonati, è protesta: un materasso nei contenitori vetro

Foligno, rifiuti abbandonati, è protesta: un materasso nei contenitori vetro
di Giovanni Camirri
2 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Gennaio 2021, 15:37

FOLIGNO  - Rifiuti abbandonati a ridosso dei cassonetti stradali per la raccolta del vetro, monta la protesta dei cittadini. Accade nella zona che da via Mameli arriva all’incrocio con via Liguria dove sono presenti, lungo in senso di marcia passaggio a livello-San Giovanni Profiamma, due cassonetti stradali per la raccolta del vetro. Oltre a bottiglie e contenitori in vetro gettati all’interno dei raccoglitori, c’è l’esterno che spiega le cattive abitudini di chi, in barba alla collettività e al decoro urbano, trasforma quei punti di raccolta in depositi di rifiuti domestici di ogni genere. Ci sono materassi, porzioni si mobilio, vecchi ombrelli, sacchetti chiesti con rifiuti all’interno e anche una latta metallica per olio da cucina. Una situazione che ha visto alcuni residenti del quartiere segnalare più volte questi cattivi comportamenti con la Vus, gestore del servizio raccolta rifiuti, che ha spostato i cassonetti in un punto dove le auto non possono parcheggiare. “Non basta – dice un residente – perché per qualche tempo i barbari della raccolta differenziata si sono calmati. Ma ora hanno ripreso con gli abbandoni in maniera sistematica. E sembrano non temere nulla visto che buttano l’immondizia a qualsiasi orario della giornata, tanto di giorno quanto ed in particolare di notte. E se non bastasse approfittano anche di punti meno illuminati del quartiere fino a sfruttare la base di un lampione che in quel momento è spento. Non parliamo poi – prosegue – del nuovo sport, per dirla con estremo sarcasmo, che sta vedendo crescere il numero degli aderenti: il lancio del sacchettino con i rifiuti. Qui nel quartiere Prato Smeraldo sono diverse le zone di “lancio” che cambiano localizzazione non appena si vedono i controlli che ci auguriamo possano, in tutte le loro declinazioni, aumentare. Non riteniamo giusto che chi rispetta le regole, effettua la raccolta differenziata ed è un buon cittadino debba continuare a sopportare comportamenti sfacciati di chi si ritiene furbo e va contro la collettività e il decoro urbano. C’è stato anche chi, tra noi cittadini, ha posizionato, a scopo preventivo, un cartello che indicava la presenza di telecamere. Ma anche in questo caso i pirati della raccolta differenziata hanno proseguito nelle loro cattive abitudini. Ciò che vorrei far comprendere è che queste situazioni che segnaliamo da tempo a tutti i soggetti interessati a partire dalla Vus, vengono portate all’attenzione per senso civico e per rispetto di chi è corretto a differenza di chi pratica il lancio – conclude – del sacchettino e abbandona i rifiuti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA