Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sventa furto nel magazzino
e salva 200mila euro di surgelati

Sventa furto nel magazzino e salva 200mila euro di surgelati
di Giovanni Camirri
2 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Giugno 2015, 18:29 - Ultimo aggiornamento: 18:34
FOLIGNO - Torna in piena notte nel suo magazzino di surgelati, vede le luci accese e scopre un maxi furto, in corso a suo danno, di merce per un valore che supera i 200mila euro. Chiama la polizia e così fa fuggire i ladri che abbandonano il prezioso bottino. L’eroe del giorno, a Foligno, è il proprietario di una magazzino che si trova nella zona artigianale de La Paciana e commercializza surgelati. Merce che ha attirato le attenzioni dei balordi i quali, in piena notte, hanno raggiunto il deposito portandosi al seguito un grosso camion frigorifero lungo quasi 10 metri.

I ladri, alla vista dell’uomo hanno abbandonato il mega frigo su ruote e si sono dati alla fuga a piedi. La polizia è velocemente intervenuta per gli accertamenti e la conseguente caccia ai ladri, dei quali, al momento, non è stata trovata traccia. Verifiche sono in corso anche a carico del camion per capire se si sia o meno in presenza di un mezzo rubato. L’unica certezza, al momento, è che il colpo appare esser stato messo a segno su commissione. Chi ha agito ha colpito a botta sicura consapevole della mole di merce surgelata che avrebbe trovato. Stavolta, però, grazie alla prontezza del proprietario del magazzino il colpo è sfumato. Da capire, anche, se chi ha agito, di sicuro almeno due persone vista l’imponenza del carico, lo abbia fatto “autonomamente” o se invece possa far parte di qualche gruppo di ladri che colpisce i depositi di alimentari. Elementi che verranno chiariti nell’ambito dell’indagine avviata sul caso dagli investigatori del Commissariato di polizia, guidato dal vice questore aggiunto Bruno Antonini. Si stanno scandagliando, come sempre accade in situazioni di questo genere, fatto analoghi e modus operandi similari per capire se ci sia o meno una sorta di “marchio di fabbrica” che possa tornar utile ad individuare i ladri di surgelati. Maggiori elementi potrebbero emergere nel corso degli accertamenti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA