Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Attenti alla donna che abbraccia gli anziani». Allarme truffa a Perugia

«Attenti alla donna che abbraccia gli anziani». Allarme truffa a Perugia
di Egle Priolo
3 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Luglio 2022, 07:19

PERUGIA - Anziani nel mirino. Di balordi e personaggi senza scrupoli. Un brutto e odioso ritornello dell'estate e che purtroppo si sta riproponendo anche in questi giorni.

Ma gli anziani di San Marco, anche e soprattutto quelli che vivono soli o che in questi periodi di ferie si trovano a passare qualche giornata senza figli e nipoti, potrebbero non essere soli ad affrontare uno dei crimini più odiosi: truffe e furti. Avvicinati alla porta di casa da falsi operatori commerciali, ma anche (e forse più pericolosamente) nei luoghi pubblici e nei parcheggi dei supermercati da persone che in pochi  secondi ne ottengono la fiducia e poi li derubano. Proprio come, secondo quanto si apprende, si sarebbe registrato in questi giorni nella zona di San Marco.
LA DENUNCIA
La strada racconta come, soprattutto all'esterno di alcuni supermercati della zona, la presenza di una giovane donna che avvicina qualche anziano non sia passata inosservata: sempre i racconti di quartiere sostengono come qualche “nonno" sia caduto nel trappolone teso dalla giovane donna che con fare affabile, e magari con un abbraccio, con grande destrezza prima ne conquista la fiducia e poi gli porta via il portafogli. Tecniche purtroppo non nuove ma che evidentemente continuano a funzionare specie dove le capacità criminali dell'uno incontrano il desiderio dell’altro di fare due chiacchiere e di parlare con qualcuno. Perché, come hanno spesso dimostrato le indagini di carabinieri e polizia, in molti casi c'è anche uno studio precedente all'azione della persona da colpire, dell'anziano o dell’anziana che magari specie in questo periodo estivo appare più solo e dunque indifeso rispetto agli altri.

Ma, come detto, per loro fortuna c'è un quartiere attento a tutte le dinamiche e la cosa non solo è stata condivisa nelle chat di quartiere per invitare tutti alla massima prudenza, ma anche segnalata ai carabinieri per portare avanti tutti gli accertamenti del caso, davanti a segnalazioni così precise.
I CONSIGLI
Se, come detto, questa degli assalti nei parcheggi dei supermercati o negli spazi pubblici sembra essere l'emergenza del momento, è pur vero che in fatto di truffe agli anziani specie in questo periodo estivo ce ne sono di due tipi sempre in agguato. Quella dei falsi operatori commerciali, anzitutto, con truffatori che si presentano come dipendenti di compagnie di luce, acqua o gas che con la scusa di proporre nuove e più convenienti tariffe riescono puntano ad entrare nelle case in cui gli anziani vivono soli e ad arraffare quanto trovano sottomano.
Altre insidie possono invece arrivare telefonicamente da falsi rappresentanti delle forze dell'ordine che raccontano all'anziano come il proprio figlio o nipote abbia causato un grave incidente e come, per salvarlo dai guai giudiziari, basti pagare. Situazioni che dette così appaiono paradossali ma che, quando una persona è sola e con le capacità affabulatorie di cui è in possesso chi truffa, sono purtroppo reali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA