Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Acquasparta, tutto è pronto per la "Festa del Rinascimento". Quindici giorni di spettacoli, arte e bellezza.

Acquasparta, tutto è pronto per la "Festa del Rinascimento". Quindici giorni di spettacoli, arte e bellezza.
di Francesca Tomassini
3 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Giugno 2022, 16:44

ACQUASPARTA Avrà come titolo “Theatrum Totius Naturae”,  la XXIII edizione della “Festa del Rinascimento” che si svolgerà ad Acquasparta da sabato 11 a domenica 26 giugno. Quindici giorni di spettacoli, arte e bellezza per tornare a far splendere il Rinascimento, epoca sfarzosa e rivoluzionaria a un tempo di cui Federico Cesi, duca di Acquasparta, è stato uno dei protagonisti insieme ai membri dell’Accademia dei Lincei, fra i quali spicca il nome di Galileo Galilei.

Sfilate in costumi d’epoca, sfide fra contrade, spettacoli, iniziative per i più piccoli e le taverne tipiche, saranno gli ingredienti di questa edizione 2022 durante la quale le tre contrade del borgo - San Cristoforo, Porta Vecchia e Il Ghetto - si contenderanno le “chiavi” della Città.

Fra gli eventi principali la Gara Gastronomica (in programma lunedì 13 giugno) che quest’anno avrà come protagonista il tartufo,  il Grande Gioco dell’Oca (sabato 25 giugno) una riproposizione vivente del gioco da tavolo le cui origini, nella sua versione moderna, risalgono alla seconda metà del Cinquecento; la “Giostra dei Tamburi sonanti” (venerdì 17 giugno) sfida tra i tamburini delle contrade arricchita dallo spettacolo degli sbandieratori di Sangemini, e la Gara “Il Teatro di Contrada” in cui ogni contrada, con propri attori amatoriali mette in scena una libera interpretazione teatrale di un testo scritto prima del 1630, rielaborato ed adattato.

A corollario tantissime iniziative: dalle passeggiate fotografiche alla scoperta del territorio, degli animali, delle orchidee spontanee, degli arbusti ed alberi tipici; alla degustazione di vini, a cura di AIS Umbria – Associazione Italiana Sommelier, nelle sale rinascimentali di Palazzo Cesi. 

E ancora spettacoli teatrali e momenti dedicati ai più piccoli con “L’Accademia della Piccola Lince”, laboratori legati al tema della scienza e della conoscenza scientifica.

Parallelamente, si snoda il programma accademico con eventi, tavole rotonde e seminari. 

Gran finale. domenica 26 giugno, con concerto di musica barocca “Alla guerra d'amore. Musica vocale e strumentale in Italia tra la fine del ’500 e le prime decadi del ‘600” a cura de “La Selva Ensemble di Musica Antica” con Riccardo Pisani al canto, Carolina Pace al flauto dolce, Michele Carreca alla tiorba e chitarra barocca.

per il programma dettagliato https://www.ilrinascimentoadacquasparta.it/

© RIPRODUZIONE RISERVATA