Wanna Marchi e Stefania Nobile, addio Italia: «Nessuno ci voleva, ora siamo imprenditrici in Albania»

Giovedì 9 Maggio 2019
5
Wanna Marchi e Stefania Nobile (Credit: Instagram)

Una nuova vita per Wanna Marchi e Stefania Nobile. Dopo il processo, iniziato dopo i servizi di “Striscia la notizia”, e il carcere, mamma e figlia sono partite per l’Albania dove sono diventate imprenditrici aprendo tre locali. In Italia non riuscivano più a lavorare: “La scorsa estate sono venuta per caso a trovare degli amici - ha spiegato Stefania in un’intervista a “Chi” - . Mi sono innamorata subito del posto. Molti dimenticano che noi da anni facciamo ristorazione, ma in Italia per "le Marchi" lavorare era diventato difficile, Siamo "marchiate". Così, d'istinto, ho detto a mia madre di venire che avremmo ricominciato qui”.

Wanna Marchi: «Barbara D'Urso ci ha teso un agguato». Ma è boom di follower

Non è la D'Urso, Wanna Marchi: «Noi punite per aver venduto sale a deficienti che ci hanno creduto»
 

Wanna ha qualche rimpianto: “Le abbiamo provate tutte per non lasciare il nostro Paese, ma nessuno offre lavoro alle "Marchi'”. Una sera eravamo senza benzina sulla via Emilia e senza soldi, un'altra volta non riuscivamo a fare la spesa. Da qualche parte dovevamo ricominciare, Ed eccoci qui”.

Tre locali è un inizio di tutto rispetto: “Rischioso. Ma noi siamo brave imprenditrici e lo stato albanese, se capisce che tu lavori per il bene dell'Albania e non vuoi solo far affari e sparire, ti aiuta. Sa, non è facile sentirsi sporchi nonostante un debito strapagato con la giustizia a caro prezzo: forse questa era l'unica soluzione”.

Ultimo aggiornamento: 22:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma