Trent'anni dopo “Il Silenzio degli Innocenti”, ad aprile arriva “Clarice” con Rebecca Breeds al posto di Jodie Foster

Martedì 16 Febbraio 2021
Trent'anni dopo “Il Silenzio degli Innocenti”, ad aprile arriva “Clarice” con Rebecca Breeds al posto di Jodie Foster

Dopo trent'anni Clarice Starling torna in campo. La protagonista del film  «Il Silenzio degli Innocenti» dà il suo nome a «Clarice», l'attesissimo sequel tv del film che ha fatto la storia del cinema conquistando un pokerissimo di Oscar. A ricoprire il ruolo di Clarice, per cui Jodie Foster conquistò una delle cinque statuette del film, è la 33enne attrice australiana Rebecca Breeds. Prodotta da Mgm Television e Cbs Studios, la prima puntata della serie ha debuttato la scorsa settimana sulla Cbs tra gli applausi della critica. In Italia andrà in onda in esclusiva su Rai2 dal 9 aprile in prima serata. Dieci episodi di un'ora ciascuno nel formato classico del poliziesco procedurale con un caso diverso da risolvere in ciascuna puntata.

Creata da Alex Kurtzman e Jenny Lumet, «Clarice» rimette in gioco il personaggio della Starling lasciato in ombra dai successivi sequel e spinoff che avevano privilegiato il carismatico psichiatra-cannibale Hannibal Lecter interpretato da Anthony Hopkins in altri due film e da Mads Mikkelsen nelle tre stagioni della serie della Nbc «Hannibal». In «Clarice» il trauma creato da Lecter e dal serial killer Jame Gumb (alias Buffalo Bill, il sadico assassino che scuoiava le sue vittime) certamente influenza la giovane agente dell'Fbi che riprende il suo ruolo centrale nella saga a partire dal primo episodio in cui la ex senatrice Ruth Martin (Jayne Atkinson), madre dell'ultima rapita da Buffalo Bill e ora ministro della giustizia, la richiama in prima linea. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA