«Luxuria insegna ai bambini a diventare trans»: bufera dopo Alla Lavagna. Scontro Lega-M5S

«Luxuria insegna ai bambini a diventare trans»: bufera in tv, scontro Lega-M5S
5 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Gennaio 2019, 13:22 - Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio, 08:25

«Vladimir Luxuria insegna ai bambini a diventare trans». È l'accusa rivolta all'ex parlamentare dopo la messa in onda di 'Alla Lavagna!' che l'ha vista protagonista sabato in seconda serata su Rai3. Una polemica fatta propria dalla Lega che ha attaccato Luxuria parlando di «lezioni inaccettabili» ma si è dovuta scontrare con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle Pari Opportunità Vincenzo Spadafora che ha invece bollato gli attacchi come «surreali» e «omofobi».

LEGGI ANCHE Vladimir Luxuria a "Storie italiane": su Rai1 svela particolari inediti del suo passato

«Non ho fatto alcuna lezione su come si diventa trans perché anzi ho cercato di spiegare che si nasce gay o trans. Ho parlato soprattuto di bullismo. Ma queste polemiche dimostrano che i bambini sono molto più avanti di certi adulti», si è difesa la diretta interessata. 
«Questo programma - confessa Luxuria - è stata una delle cose più belle che ho fatto nella mia vita. I bambini erano vigili, curiosi, attenti e pieni di domande. E io, come faccio anche nella vita quotidiana, ho risposto a tutto, sempre con tatto e credo con intelligenza. Anche perché, se non si danno risposte ai bambini, loro ti guardano con diffidenza e cercano risposte altrove, magari sul web, dove possono trovare risposte non proprio raccomandabili», aggiunge l'ex parlamentare, sottolineando che «tutti i genitori dei bambini presenti in trasmissione avevano dato il consenso alla puntata con me e alla fine si sono complimentati per come era andata».
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

"Ho liberato io la bambina che era dentro di me" @vladimir_luxuria ospite a #allalavagna spiega come dall'essere nato bambino sia oggi una donna 👏👏👏 Una bellissima puntata di questo programma che doveva essere trasmessa in prima serata esattamente come tutte le altre...e non in seconda serata quando forse i bambini, principali destinatari del programma, dormono già! Io l'avrei trasmessa in prima serata come sempre e a reti unificate e poi fatta vedere in tutte le scuole! #allalavagna #raitre #19gennaio #2019 #vladimirluxuria #loveislove #lovewins #tv #rai #mediaset #spettacolo #intrattenimento #conduttrice #scrittrice #iconegay #gayicon #showgirl #celebrities #vip #intervista #bestoftheday #instalike #instagay @instarai3 @monicacirinna @stefaniapezzopane @gayit

Un post condiviso da @ anime_prave in data:


«Eppure - commenta Luxuria - ancora questa mattina ho letto sulla stampa commenti in malafede, che istigano all'omofobia. Ecco: gay o trans si nasce ma omofobi si diventa per le paure che vengono provocate con certi commenti. Quei commenti da cui trapela che, in fondo, se sei gay o trans ti meriti una vita infelice e magari pure gli insulti o le botte», dice Luxuria invitando chi avesse dei dubbi ad andare su RaiPlay a rivedere la puntata. «Speravo - conclude - che fosse sufficiente lo spostamento della puntata dalle 20.20 alle 22.25 ma per alcuni non è bastato. Però io sono ottimista, perché se i bambini con cui ho parlato sono il futuro, forse posso sperare in mondo migliore».

Queste le dichiarazioni della Lega, attraverso Paolo Tiramani, capogruppo del Carroccio in Vigilanza Rai: «Queste "lezioni" sono inaccettabili. Soprattutto se avvengono nel corso di una trasmissione televisiva andata in onda su Rai 3, dove erano protagonsisti giovani alunni che ascoltavano lezioni da una "mancata soubrette" la cui vita personale dovrebbe restare tale»

In difesa di Luxuria e contro la Lega è poi intervenuto Spadafora: «L'unica cosa che trovo a dir poco surreale è continuare ad avere atteggiamenti omofobi e culturalmente regrediti, che non tengono conto della realtà e del rispetto dei diritti di tutti. Penso che la Rai abbia fatto molto bene e che occasioni del genere vadano sostenute». La messa in onda di simili programmi va sostenuta «dato che nelle nostre scuole - a differenza di quanto avviene negli altri Paesi Ue - sono sempre più rare lezioni sull'affettività o sull'accettazione di se stessi e che, purtroppo, non siano rari i casi di bullismo, proprio nei confronti di chi viene etichettato come 'diversò. Di questi temi, invece, ci accorgiamo solo quando a parlarcene è la cronaca nera, quando giovanissime vittime di bullismo compiono gesti estremi. Ben vengano quindi occasioni come questa, dove il Servizio Pubblico si occupa di colmare questo vulnus di civiltà», prosegue Spadafora. «Ho incontrato negli anni migliaia di bambini e di ragazzi in giro per l'Italia e so quanto affrontino questi temi tra di loro e siano naturalmente inclini al rispetto delle diversità più di molti adulti. E, proprio le reazioni dei bambini, durante la trasmissione, dovrebbero farci riflettere su quanto la realtà sia molto più avanti di certa politica», conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA