CORONAVIRUS

WhatsApp corre ai ripari contro le app emergenti: videochiamate allargate a 8 persone

Martedì 21 Aprile 2020 di Paolo Travisi
WhatsApp corre ai ripari contro le app emergenti: videochiamate allargate a 8 persone

Tempi duri anche per una roccia del mondo digitale come Whatsapp. L'isolamento sociale da Coronavirus di questi mesi ha spinto gli utenti del globo a cercare soluzioni tecnologiche in grado di supplire alla mancanza di contatti tra persone. E le video di gruppo, finora molto usate a livello professionale per riunioni di lavoro tra città diverse, sono diventate la normalità, tra amici, partner, nonni e nipoti. Ed ecco che Whatsapp per rincorrere piattaforme come Zoom o Houseparty, dove il limite è solo negli amici che si vogliono coinvolgere, sta allargando la possibilità di videochiamate di gruppo fino ad un massimo di 8 persone. Attualmente, infatti, il limite è di 4 persone, troppo poche rispetto alla concorrenza sempre più agguerrita.

LEGGI ANCHE Coronavirus, app Immuni: come funziona, quali informazioni può captare e chi può vedere i dati. Le risposte

Ad annunciare la novità, il sito Webetainfo che ha visionato la recente versione 2.20.133 di WhatsApp Beta per sistema operativo Android e iOS. La videocall di gruppo, che ovviamente può anche essere solo vocale senza coinvolgere la videocamera, è possibile dopo avere creato un gruppo aggiungendo le persone desiderate tra i contatti in rubrica, dopodiché si dà l'avvio alla conversazione. In alternativa, se il gruppo è già formato, basta cliccare sull'icona del telefono con il "simbolo +" all'interno del gruppo ed aggiungere chi si vuole. Ma per realizzare la video di gruppo è necessario che tutti gli utenti abbiano l'ultima versione di Whatsapp.
 


La nuova realease sarà operativa a breve, questione di giorni, mentre ricordiamo una delle ultime novità introdotte per arginare le fake news sul Covid-19 ed in generale le catene di messaggi inoltrati da utente a utente; ovvero il limite di inoltrare il messaggio ricevuto, solo a una singola persona per volta, per evitare che un'eventuale bufala sia inoltrata a tutta la rubrica, alimentando non solo notizie prive di fondamento, ma anche ansia sociale in un momento delicato per molti. 
 

Ultimo aggiornamento: 15:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA