Twitter, «Uno Stato ruba dati e mail»: allarme pirateria internazionale

Lunedì 14 Dicembre 2015 di Ida Artiaco
Per la prima volta nella sua storia, Twitter ha lanciato un allarme sulla possibilità di attacchi informatici sponsorizzati da Stati. Il social network dei cinguettii ha inviato fino questa mattina ad un gruppo folto di utenti una nota con la quale sono stati informati del rischio telematico. A essere colpito sarebbe stato un piccolo gruppo di account, ma non sono state fornite ulteriori informazioni sui possibili autori, che avrebbero tuttavia come obiettivo il furto di indirizzi mail e numeri di telefono.

In pratica, coloro che hanno ricevuto l’avvertimento potrebbero aver visto compromessi anonimato e sicurezza dei rispettivi indirizzi ip e non solo. La società, intanto, ha dichiarato di stare ancora indagando sull’accaduto. Non è la prima volta che Twitter mette in guardia i suoi utenti da possibili falle nel sistema: nel 2012, ad esempio, avvertimenti su possibili fughe di notizie relative alle password per accedere al social network erano stati inviati a più di 200mila persone. Ma questa è la prima volta che viene tirato in ballo addirittura uno Stato.

I primi avvisi sono stati inviati già venerdì scorso, e Twitter ha continuato a diramarli per tutto il fine settimana. In genere, gli hacker sostenuti dagli Stati sono più sofisticati e dotati dei migliori strumenti. Come ha sottolineato il Financial Times, che per primo ha reso nota la notizia dei cyber attacchi, questi vengono utilizzati per condurre attività di spionaggio e per appropriarsi di materiale soggetto a proprietà intellettuale. Ne è un esempio il Syrian Electronic Army, che in passato aveva preso di mira gli account di alcuni giornali e di Skype per diffondere notizie false. Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre, 18:03

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma