CORONAVIRUS

Coronavirus, ufficiale: cancellato il Gp d'Australia. La Ferrari: «La salute prima di tutto»

Giovedì 12 Marzo 2020

Il Gp d'Australia, prima gara del mondiale di F1 non si correrà. Decisione arribvata in sera in Italia. Il Gran Premio di Formula 1 d'Australia non si correrà. La Fia ha ufficializzato la cancellazione del primo Gran Premio della stagione che si doveva correre domenica a Melbourne a causa della positività di un membro della McLaren. Squadra inglese che ha deciso di ritirarsi.

In seguito alla conferma che un membro del McLaren Racing Team si è dimostrato positivo al COVID-19 - si legge nel comunicato della federazione automobilistica internazionale - e la decisione del team di ritirarsi dal Gran Premio d'Australia, la Fia e la Formula 1 hanno convocato una riunione degli altri nove direttori dei team giovedì sera. Tali discussioni si sono concluse con una posizione maggioritaria delle squadre secondo cui la gara non deve partire. La Fia e la Formula 1, con il pieno supporto dell'Australian Grand Prix Corporation (AGPC), hanno quindi deciso di annullare tutte le attività di Formula 1 per il Gran Premio d'Australia. «Riconosciamo . aggiunge la Fia - che si tratta di una notizia molto deludente per le migliaia di fan che volevano assistere alla gara: tutti i possessori di biglietti riceveranno un rimborso totale. Tutte le parti hanno preso in considerazione gli enormi sforzi dell'AGPC, del Motorsport Australia, dello staff e dei volontari per organizzare il round di apertura del campionato del mondo di Formula 1 FIA 2020 a Melbourne, concludendo tuttavia che la sicurezza di tutti i membri del Circus e delle altre comunità, nonché l'equità della competizione hanno la priorità».

LA REAZIONE DELLA FERRARI
La Ferrari esprime il suo totale sostegno alla decisione presa da Fia e Formula 1 insieme alla Australian Grand Prix Corporation di cancellare il Gran Premio d'Australia, previsto da venerdì 13 a domenica 15 marzo al circuito dell'Albert Park di Melbourne. «La sicurezza di ogni membro della squadra - spiega in un comunicato la scuderia di Maranello - rappresenta la priorità assoluta, soprattutto in questa fase di continua e rapida evoluzione della pandemia di Covid-19». La Scuderia esprime il suo profondo dispiacere per il pubblico dell'Albert Park che si preparava ad accogliere con il consueto entusiasmo la Formula 1 e per i tifosi che avrebbero seguito il Gran Premio in tutto il mondo.

Ultimo aggiornamento: 13 Marzo, 00:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA