Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Liverpool, Wijnaldum: «​Delusi per i due gol subiti. La Roma non ci fa stare tranquilli»

Liverpool, Wijnaldum: « Delusi per i due gol subiti. La Roma non ci fa stare tranquilli»
2 Minuti di Lettura
Martedì 1 Maggio 2018, 18:36

Come vi siete avvicinati a questa sfida?
Come sempre, abbiamo fatto le stesse cose, stessa routine, i pasti, gli orari, nulla di speciale. Dopo la partita eravamo delusi per i 2 gol subiti, ma a sapere prima della partita che sarebbe finita 5-2 l’avremmo sottoscritto. Abbiamo fatto una buona partita dominando nella parte centrale della gara. Siamo soddisfatti.

Avete un vantaggio ampio.
Siamo qui per parlare della partita e non di altro. Non pensiamo di poterci rilassare, la Roma è un’ottima squadra e ha già dimostrato di saper segnare. Dobbiamo essere attenti e prudenti, ma abbiamo già dimostrato di saper gestire il risultato dell’andata. Siamo due squadre che giocheranno a viso aperto con fiducia.

Appello ai tifosi?
Di sostenerci e cantare più possibili. E’ fantastico avere tifosi che ci seguono a Roma.

Come la squadra ha reagito alla notizia di Sean Cox?
Lo abbiamo saputo all’indomani della partita. Eravamo tristi, distrutti, a pezzi. Vai in campo a giocare, dovrebbe essere una festa e non ti aspetti che qualcuno possa rischiare la vita. E’ un fatto deplorevole.

Quello che è successo vi dà maggiori stimoli in vista della partita?
No, non credo che bisogna aspettarsi cose del genere per avere motivazioni in più. Abbiamo già motivazioni sufficienti.

Cosa significa per voi raggiungere o essere ad un passo dalla finale?
Moltissimo. Dalla prima partita di Champions affronti grandi squadre a sogni e serate come quello di domani. Tutti, i tifosi, i club e i giocatori.

Hai sentito Strootman?
Con parlato con lui dopo la partita di andata, ma poi non l’ho più sentito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA