Real Madrid-Roma, le pagelle: Nzonzi assente, Olsen salvatore

Giovedì 20 Settembre 2018 di Alessandro Angeloni
5
OLSEN 8
Tempestivo in uscita su Isco, ben piazzato su colpo di testa di Ramos, impotente sulla punizione del vantaggio blancos. Viene impallinato da ogni posizione, si difende bene. Un’altra volta tra i meno peggio. Dignitoso, decisivo per evitare l’imbarcata. Vedi paratona su Asensio. Se la Roma non prende sei gol, il merito è anche suo. Soprattutto suo. 
FLORENZI 5
Impegnato a tenere botta contro tutte le furie bianche che gli passano davanti, partecipa poco alla fase offensiva (forse perché, la fase offensiva, è latitante). Fuori posizione quando Bale parte per l’appuntamento con il raddoppio.
MANOLAS 6
Idolo di casa. Gioca col solito petto alto e quando entrano in area ad alta velocità non perde (quasi) mai la testa. Benzema è quello che fa meno tra gli attaccanti del Real.
FAZIO 4
Il lato sinistro della difesa è quello debole. Serve più concentrazione e una condizione fisica adeguata. Goffo, in ritardo, per poco non rischia un autogol comico. Il comandante, in questo momento, è senza i gradi. 
KOLAROV 4
Arriva con lentezza sui tagli di Bale, soffre spesso nelle rincorse verso il gallese e non solo lui. La fase difensiva è carente, appena sufficiente quella offensiva, specie nella ripresa. Lontano anni luce dal Kolarov dello scorso anno, quando aveva dalla sua lo strapotere fisico e la faccia tosta. 
NZONZI 5
Vaga con lentezza per il campo e ogni tanto azzecca un contrasto, un mezzo passaggio. Fino a ora niente di che. Impalato, impallato. Assolutamente rivedibile. 
DE ROSSI 6
Salva subito, con la classica scivolata in area, tre situazioni pericolose. Regala la punizione del vantaggio del Madrid, ma al di là di questo sembra uno dei più lucidi fino alla fine. 
ZANIOLO 5,5
L’esordio al Bernabeu, Modric davanti a lui, cosa chiedere di più dalla vita? Non gioca male, né si perde nell’emozione. Ma non fa nulla che ricorderemo nei prossimi anni. Lui, invece, questa sera di Madrid la ricorderà a lungo. La Roma non perde certo per colpa sua.
UNDER 6,5
Ha la possibilità di fare male a Navas almeno due volte e prova a tenere in pensiero Marcelo. Sempre sul pezzo, a testa bassa. 
DZEKO 5
Primo tempo - non solo per colpa sua - vissuto da fantasma, abbandonato tra due colossi come Ramos e Varane. Cammina e non corre. Un timido risveglio nella ripresa. La faccia è triste, brutto segno. La ripresa è leggermente migliore, ma non basta. Affogato.
EL SHAARAWY 5,5
Corre senza costruire nulla di interessante. Piatto.
PELLEGRINI 6
Cerca di dare un po’ di dinamismo e qualità in mezzo al campo. E si procura (in teoria, ma l’arbitro non era d’accordo) il rigore che avrebbe riaperto la partita.
PEROTTI 5
Non combina granché. 
SCHICK 4
Ha sul sinistro la palla per riaprire la partita ma la spedisce allo stadio dell’Atletico, poi gli scappa un’altra palla in area. Addormentato.
DI FRANCESCO 5
La squadra non fa pressing alto, corre male, ha i suoi giocatori migliori in condizioni fisiche scadenti. Manca l’anima, la trama. E non è una questione di giovani, vecchi, medi. C’è qualcosa di sbagliato in lui e fuori di lui.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA