Napoli-Genk, le pagelle: Milik protagonista. Mertens sale a 118 reti

Martedì 10 Dicembre 2019 di Pasquale Tina
NAPOLI -
Meret 6 - Sicuro ed efficace nelle rare occasioni in cui il Genk si affaccia in area.
Di Lorenzo 6,5 - Sempre preciso e puntuale, offre dinamismo e lucidità.
Koulibaly 6 - Sfiora la rete in avvio, poi infiamma il San Paolo con un paio di incursioni offensive.
Manolas 6 - Prestazione sontuosa per il centrale greco, che non concede spazi a nessuno anche di testa.
Rui 6 - Corre e si affanna per tutti i novanta minuti, strappando applausi convinti.
Callejon 6 - Si procurai due rigori che consentono al Napoli di chiudere definitivamente il match.
Allan 6,5 - Gioca quasi da play basso, indovinando lanci di rara bellezza.
Fabian 6 - Qualche errore di troppo, cresce col passare dei minuti.
Zielinski 6 - Dà ordine e rigore al gioco azzurro, partendo dalla sinistra.
Milik 8 - Rientra con una tripletta che cancella la lunga assenza e i gol falliti all'andata.
Mertens 6,5 - Cerca il gol con insistenza e lo trova nella ripresa su rigore.
Gaetano n.g. - Debutta in Champions con il risultato ormai in cassaforte.
Llorente n.g. - Pochi minuti in campo per lui, per dar modo a Milik di rifiatare.
Lozano n.g. - Prende il posto di Callejon nell'ultima fase del match.
GENK -
Vandevoordt 5 - Debutta in Champions con una papera e tanti gol al passivo: potrà rifarsi in futuro.
Maehle 5,5 - Prova a spingere sulla destra, ci riesce solo a sprazzi e senza essere incisivo.
Dewaest 5 - Qualche pasticcio di troppo, in una serata poco brillante per tutta la squadra.
Lucumi 5 - Non riesce a contrastare gli attaccanti del Napoli, che godono di troppa libertà.
De Norre 5 - Procura un rigore e non è l'unica pecca della sua prestazione, decisamente opaca.
Hrosovsky 6 - Tra i migliori dei suoi, prova spesso il tiro ma senza fortuna.
Berge 5,5 - Osservato speciale, non riesce a illuminare il gioco del Genk.
Ito 6 - Qualche buona giocata sulla fascia destra, strappa applausi meritati.
Samatta 5,5 - Meno brillante rispetto al match di andata, Koulibaly lo sovrasta sempre.
Paintsil 5 - Estemporanee le sue folate, anche se sfiora il gol con un gran tiro.
Onuachu 5 - Si mangia due reti nel primo tempo, peccando di lucidità in zona gol.
Bongonda 5,5 - Entra a gara abbondantemente compromessa e non riesce a incidere.
Hagi n.g. - Sfiora il gol sullo 0-4, mancando il tap-in.
Borges n.g. - Prende il posto di De Norre negli ultimi, ininfluenti minuti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma