Liverpool, insulti razzisti a Keita e Alexander-Arnold. Il club:«Perseguire i responsabili»

Mercoledì 7 Aprile 2021 di Giuseppe Mustica
Liverpool, insulti razzisti a Keita e Alexander-Arnold. Il club:«Perseguire i responsabili»

A nulla al momento è valsa la lettera aperta che la Premier League ha inviato ai social per cercare di mettere a tacere gli insulti razzisti che quasi quotidianamente invadono i post dei calciatori. Dopo la gara di ieri sera del Liverpool - che ha perso 3-1 a Madrid - gli ennesimi atti di discrimazione: nel mirino ci sono finiti Naby Keita e Trent Alexander-Arnold. Due casi distinti. Sotto alcune foto pubblicate su Instagram sono comparse delle risposte con l'emoji della scimmia. La difesa del club verso i propri tesserati non s'è fatta attendere.

IL COMUNICATO REDS

«Ancora una volta ci troviamo a discutere tristemente di abusi razziali abominevoli la mattina dopo una partita di calcio. Non è accettabile e deve finire. Il Liverpool condanna tutte le forme di discrimazione e come club offriremo ai nostri giocatori tutto il supporto di cui avranno bisogno. Colleboreremo, inoltre, con le autorità competenti per identificare e, se possibile, perseguire i responsabili». Nella nota l'attacco del club contro chi gestisce il mondo dei social network è evidente e nemmeno celato:«Sappiamo che ciò non sarà sufficiente fino a quando le piattaforme di social media e gli organismi di regolamentazione che le governano non adotteranno misure preventive. Non si può permettere che la situazione attuale continui».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA