Il rammarico di Mancini dopo Italia-Svizzera: «Un peccato non aver segnato il 2-1. Jorginho? Se la sentiva di tirare»

Il rammarico di Mancini dopo Italia-Svizzera: «Un peccato non aver segnato il 2-1. Jorginho? Se la sentiva di tirare»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Novembre 2021, 23:08

Dovrà ancora aspettare l'Italia per qualificarsi ai prossimi Mondiali in Qatar, in programma nel 2022. Gli azzurri si fermano al pareggio contro la Svizzera e con il grande rammarico del calcio di rigore sbagliato da Jorginho al novantesimo. Finisce 1-1: alla rete di Silvan Widmer ha risposto Giovanni Di Lorenzo. E basta così: tutto aperto fino alla fine.

Roberto Mancini, dopo una partita vissuta con grande agonismo e un po' di nervosismo, si è soffermato ai microfoni di Rai Sport subito dopo il fischio finale: «Purtroppo è così. Abbiamo sbagliato un rigore all'andata e uno al ritorno, capita». Ma poi difende Jorginho, nonostante l'errore fatale: «È uno dei rigoristi, se la sentiva di tirare ed è giusto l'abbia fatto».

Il ct descrive la prestazione degli azzurri: «Nel primo tempo, abbiamo fatto un po' di fatica. Nella ripresa abbiamo fatto bene, è mancato il gol del 2-1. Abbiamo tenuto lì la Svizzera». E ora si guarda alla partita contro l'Irlanda del Nord: «Partiamo con un vantaggio e non è poco. Se facciamo una bella partita e facciamo i gol che non abbiamo fatto stasera... La partita era difficile, il gol ci ha condizionato». E resta un po' di rammarico: «Un peccato non aver fatto gol nel secondo tempo». Mancini dedica, infine, un pensiero a Giampiero Galeazzi: «È stato un grande giornalista, una grande persona e un grande amico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA