Torino e Spal salutano Longo e Di Biagio: «E' finita qui»

Lunedì 3 Agosto 2020
Longo sa di dover salutare e infatti saluta. "Questa è stata, secondo me, la mia ultima partita, e di conseguenza ci tengo a ringraziare chi mi ha dato l’opportunità di venire qui a Torino - dice - Ci tengo a ringraziare i ragazzi e lo staff perché insieme abbiamo fatto qualcosa che può essere soltanto apprezzato nel tempo, quando ci si renderà conto cosa ha rischiato il Torino quest’anno. E di conseguenza auguro a questa società e a questi tifosi il meglio per il loro futuro". I ringraziamenti proseguono: "Ringrazio tutte le persone che mi hanno sostenuto dal primo giorno che sono arrivato a Torino incitandomi continuamente e quelli che, invece, mi esortavano, ogni tanto, a mollare o a dirmi chi me lo aveva fatto fare - spiega ancora - Sono nato in questo club e ci sono stato sin da quando ero piccolo, mi hanno insegnato a non mollare mai e di conseguenza ci ho messo la faccia e sono contentissimo di aver raggiunto questo traguardo".



DI BIAGIO IDEM
La Spal chiude con una sconfitta. Luigi Di Biagio lascia Ferrara.  “La società? Ci siamo salutati. Non mi hanno comunicato niente, ma dopo questo finale di stagione penso non ci siano i presupposti rispetto a quando un mese fa si andava d'amore e d'accordo e si programmava il futuro – dice - Non mi è stato comunicato ancora niente, ma c'è stato un tacito accordo con la società. Li ho salutati e ringraziati per quello che mi hanno dato e dimostrato in questo periodo". Un’esperienza che Di Biagio giudica negativa: “L'esperienza è stata negativa, ma la rifarei tutta la vita. Avevo la convinzione di potercela fare, di salvare la SPAL. Ringrazio la società e chi mi ha scelto. Anche Vagnati e tutti coloro che mi sono stati vicini. In questi mesi difficili ho sentito la vicinanza della gente. Sarò sempre in debito con Ferrara, la società e la tifoseria, con cui sono in difficoltà. Purtroppo il campo ha detto che non siamo riusciti a raggiungere i nostri obiettivi e dispiace".

TAG: Ultimo aggiornamento: 00:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA