Nba, solo 8 squadre rimarranno a Orlando per più di due mesi

Venerdì 12 Giugno 2020
Mentre si finalizzano dettagli tutt'altro che secondari per il ritorno in campo a Orlando, tra la Nba e l'associazione giocatori è cominciata una piccola guerra di pubbliche relazioni. Se da una parte i giocatori hanno espresso dubbi sul dover rimanere in quarantena a lungo a Disney World senza possibilità di uscire (salvo rimanere fermi per 10 giorni una volta rientrati) e senza poter incontrare familiari e amici per quasi due mesi, la Nba ha voluto specificare per bene le tempistiche previste. Secondo quanto detto da Espn, infatti, le squadre arriveranno a Orlando tra il 9 e l'11 luglio per il training camp e, con l'inizio della stagione anticipato al 30 luglio, le sei squadre che rimarranno fuori dai playoff resteranno a Disney World per un periodo compreso tra i 35 e 40 giorni (in base alla necessità o meno del torneo play-in). Dopodiché altre otto verranno eliminate dopo il primo turno (perciò dopo 53 giorni già 14 squadre saranno tornate a casa) e altre quattro lasceranno Orlando due settimane più tardi. In totale, solamente le due squadre finaliste dovranno rimanere a Orlando per un massimo di 82 giorni, con l'eventuale gara-7 delle Finals fissata per il 12 ottobre.

Espn e The Athletic hanno anche anticipato che le squadre potranno allargare a 17 i roster delle proprie squadre, con 15 giocatori con contratto standard (anche se solo 13 saranno attivi durante i playoff) e due con contratto two-way. Ad esempio, gli Oklahoma City Thunder potranno convertire il contratto two-way di Luguentz Dort in uno standard, dandosi così la possibilità di prendere un nuovo giocatore con contratto two-way. Ci saranno quindi due spot in più per completare i propri roster, pescando dalla lunga lista di free agent attualmente disponibili sul mercato — da DeMarcus Cousins ad Isaiah Thomas fino a JR Smith e Jamal Crawford — ma senza poter firmare giocatori internazionali come ad esempio Nikola Mirotic. Delle squadre di Orlando, otto hanno già uno spazio a disposizione da poter utilizzare (Denver, LA Clippers, Memphis, Oklahoma City, Phoenix, Portland, Sacramento e San Antonio), mentre quelle rimaste fuori potranno tagliare o firmare giocatori ma non con un contratto two-way
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani