Streetball e Eurobasket camp a Portorotondo

Streetball e Eurobasket camp a Portorotondo
2 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2016, 22:33

Una settimana dedicata alla pallacanestro per richiamare turisti, appassionati e rendere il villaggio un centro di eventi sportivi nei periodi di media affluenza. È il progetto promosso dal Consorzio di Portorotondo, in programma sino ad oggi, realizzato in collaborazione con Eurobasket Roma, International Basket Federation (Fiba), Federazione Italiana Pallacanestro (Fip) e Federazione Italiana Streetball (Fisb).

Il Portorotondo Eurobasket camp è cominciato il 26 giugno. È un camp di perfezionamento per ragazzi da 6 a 17 anni, tra allenamenti, tornei, animazione e mare, insieme ai giocatori e allo staff tecnico dell'Eurobasket Roma, club emergente del panorama italiano che cura molto il settore giovanile.

Per la prima volta in Sardegna, regione che conta un numero sempre crescente di appassionati anche grazie alla Dinamo Sassari, oggi si svolge a Portorotondo una tappa nazionale di avvicinamento verso le Streetball Finals 2k16 del campionato di basket 3x3, organizzato da Fip e Fisb. Lo Streetball, noto anche come pallacanestro 3 contro 3, è nato come variante del classico basket nei campetti americani. I playground più famosi sono quelli di Harlem e Los Angeles. Lo streetball sarà tra le discipline sportive dei Giochi olimpici del 2020 a Tokyo.

Il programma della settimana è stato arricchito da alcuni eventi collaterali come le proiezioni cinematografiche al teatro Ceroli. Dopo l'appuntamento per i più piccoli con “Space Jam”, divertente film sul basket con il re del parquet Michael Jordan e i Looney Tunes - personaggi animati della Warner Bross - il Festival Tavolara ha fatto tappa a Portorotondo con la proiezione del film “Glory Road”, basato sulla storia vera dei Texas Miners basketball, la squadra che nel 1965-66 vinse il massimo livello di basket del campionato universitario statunitense.

«Siamo orgogliosi di ospitare questa tappa nazionale dello Streetball, sport sul quale si accendono i riflettori per la prima volta a Portorotondo - commenta il presidente del Consorzio, Gianluca De Fazio - Ci sono già diverse squadre iscritte dalla penisola, segno che l'evento piace e ha un suo seguito di appassionati. Il Consorzio promuove per il primo anno anche un camp di basket per ragazzi. Crediamo molto nel connubio turismo e sport a Portorotondo. Il borgo ben si presta ad ospitare iniziative di questo tipo, che vedono a contatto diretto i giovani con alcuni nomi altisonanti della pallacanestro».


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA