Chi è Vincenzo Nibali, lo squalo di Messina: i trionfi al Giro (doppio), al Tour e l'oro sfumato alle Olimpiadi

Dalla Toscana, dove è diventato professionista, alla Milano-Sanremo del 2018, il suo ultimo trionfo

Chi è Vincenzo Nibali, lo squalo di Messina: i trionfi al Giro (doppio) e al Tour e l'oro sfumato alle Olimpiadi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 11 Maggio 2022, 16:51

Il più grande ciclista italiano degli ultimi venti anni ha annunciato il ritiro. Vincenzo Nibali è pronto a fermarsi. «Questo sarà il mio ultimo Giro d'Italia e a fine stagione finirà la mia carriera», ha detto ai microfoni della Rai dopo all'arrivo della quinta tappa del Giro, a Messina, la sua città. 

«Ho raccolto davvero tantissimo nella mia carriera, ho cercato di fare il meglio fino ad ora - ha detto ancora -. Sono emozionato, qui è iniziata la mia storia, con le prime corse in Sicilia, che poi ho lasciato a 15 anni. Ho dato tantissimo al ciclismo e forse è arrivato il momento di poter restituire un pò quello che ho sottratto alla famiglia, agli amici, a tutto quello che ho sacrificato per le due ruote».

Vincenzo Nibali dà l'addio al ciclismo: «Mi ritiro a fine stagione, questo è il mio ultimo Giro d'Italia»

 

Vincenzo Nibali, chi è

Nato a Messina il 14 novembre nel 1984, Vincenzo Nibali è diventato ciclista professionista in Toscano, dove ha iniziato a vincere prima nelle categorie giovanili e poi in quelle senior. Nel 2005 ha fatto il suo esordio tra i professionisti, mettendo subito in mostra le sue doti di scalatore. Il primo grande successo arriva nel 2010, quando si classifica primo nella Vuelta di Spagna.

Da qui comincia il suo cammino trionfale, che gli vale il soprannome "Squalo". In carriera si fregia di due Giri d'Italia (2013 e 2016), un Tour de France (2014), due Giri di Lombardia (2015 e 2017) e una Milano-Sanremo (2018). È uno dei quattro corridori che in carriera hanno vinto i tre Grandi Giri e due Classiche monumento diverse. L'oro alle Olimpiadi, sfumato a Rio nel 2016 per una caduta, resterà il grande rimpianto della carriera. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA