Nuoto, Gabbrielleschi sesta nella 5 km. Oro all'americana Twichell

Nuoto, Gabbrielleschi sesta nella 5 km. Oro all'americana Twichell
di Piero Mei
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 19 Luglio 2017, 12:42 - Ultimo aggiornamento: 18:29

Giulia ha le unghie smaltate di rosso, Martina Rita le ha dipinte di tricolore:la Gabbrielleschi e la Caramignoli sono le due azzurre che sull’increspato Lago Balaton che stamattina era ondoso, si sono cimentate nella 5 chilometri mondiale. Alla fine della gara erano rispettivamente sesta e dodicesima che non è male come può sembrare a prima vista. Intanto perché non si può sempre salire sul podio, e poi perché la Gabbrielleschi ha appena ventun anni e la Caramignoli era al suo debutto internazionale.

E GIU' BOTTE
Le italiane si sono trovate subito al centro della mischia; Giulia ha cercato, riuscendoci, di venirne fuori rapidamente, Martina è rimasta intrappolata in quella che lei stessa ha definito “una tonnara”. “Ne ho prese - dice - ma ne ho anche date”, che è la regola del gioco. Si tiene la mano destra che le duole dopo la battaglia navale durata più di un’ora (1h00.48.3 il suo tempo) e così lascia vedere il tatuaggio sul braccio, Pierino e Isolina a cuori uniti, che sono i nomi dei nonni morti entrambi lo stesso giorno, il 21 aprile, pure se a due anni di distanza.

GIULIA CRIMINOLOGA
Giulia è stata tra le prime a lungo, poi nel finale ha abbandonato la scia della brasiliana Cunha (terza alla fine: 59:11.4) per cercare i piedi della francese Muller (seconda in 59:10.5, a tre secondi dall’americana Ashley Twichell, medaglia d’oro in 59:07.0). “Non sono riuscita a prendere quella scia e forse è stato il mio errore determinante. Fin lì avevo faticato le avevo date e le avevo prese, ma avevo anche sognato” ha detto Giulia. Studia sociologia e poi proseguirà con criminologia, perché ha voglia di diventare una cacciatrice di serial killer, anche se l’immediato futuro le riserva la caccia alle “squalette” che frequentano il nuoto in acque libere. Si allena a Pistoia (coach Massimiliano Lombardi) in una piscina da 25 metri alla scuola Raffaello: anche 18 chilometri al giorno. Cioè quante vasche? “Non mi sono mai azzardata a fare il conto”. Risulterebbero, a una semplice divisione matematica, 720 vasche!

STAFFETTA IN ARRIVO
Domani gara nuova: la staffetta 5 chilometri, due donne e due uomini, 1250 metri ciascuno. E’ la prima del genere a un mondiale: fin qui la prova mista era il team event, tre insieme a cronometro a squadre, da mettere in acqua entrambi i sessi, due a uno come preferito. Il quartetto azzurro sarà formato nell’ordine da Rachele Bruni, a caccia della sua prima medaglia mondiale, lei che ne ha anche di olimpiche, Giulia Gabbrielleschi, Federico Vanelli e il fresco argento della 5 chilometri maschile, Sanzullo. Simone Ruffini è a riposo: domani avrà la 25 chilometri, insieme con Furlan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA