Dominik Paris dopo l'operazione al legamento riceve la visita dei colleghi carabinieri

Giovedì 23 Gennaio 2020
L'Italia affronta il SuperG sapendo che sarà difficile giocare le sue carte sulla Streif di Kitzbuehel. Senza Dominik Paris, Mattia Casse e compagni dovranno dare il meglio di loro stessi per salvare l'onore dello sci azzurro. Intanto il discesista azzurro operato ieri a Ortisei ha ricevuto anche la visita della sua "famiglia sportiva". Il Centro Sportivo Carabinieri, rappresentato dal suo numero uno, il Comandante Colonnello Gianni Massimo Cuneo, gli ha portato il calore dei colleghi sportivi e di tutta l’Arma dei Carabinieri con una visita al Dolomiti Sportclinic di Ortisei, la struttura nella quale il campione azzurro è ricoverato dopo l'operazione ai legamenti.



Il Colonnello Cuneo, affiancato per l’occasione dal Maresciallo Davide Carrara, capo della Sezione Sport Invernali del Centro Sportivo Carabinieri di Selva di Val Gardena, ha speso parole di apprezzamento per quanto di straordinario Dominik abbia saputo far vedere finora tra le porte dei tempi della velocità del circo bianco, da Lake Louise a Wengen, passando per le due trionfali gare di Bormio. Anche grazie a questa grande ventata di affetto che continua a fargli sentire il supporto di chi gli vuole bene, Dominik è apparso sereno e soprattutto fiducioso in un recupero totale, rassicurato e consapevole dall’ottimo esito dell’intervento chirurgico.

L'operazione è stata eseguita ieri per riparare i danni causati dal terribile infortunio che ha decretato uno stop inesorabile a quella che sembrava la stagione della sua ulteriore consacrazione tra gli uomini più veloci delle nevi: due vittorie, due secondi posti e il quarto posto nella classifica generale di Coppa del Mondo, il secondo in quella di specialità, alle spalle del rivale più agguerrito, il vice campione olimpico dal passaporto svizzero Beat Feuz. Dalla clinica di Ortisei si parla di una dimissione che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni, forse addirittura nella giornata di domani; sarebbe un altro importante step nel percorso di recupero che si spera Dominik sappia poter completare con successo e alla massima velocità, proprio come sa fare sulle piste di tutto il mondo.
  Ultimo aggiornamento: 15:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma