America's Cup, Luna Rossa prepara la sfida: venerdì la presentazione

Mercoledì 19 Giugno 2019 di Francesca Lodigiani
La 36° America’s Cup debutterà a Auckland in Nuova Zalanda il 6 Marzo 2021. Mancano meno di due anni, ma non se ne parla tanto. I team stanno infatti lavorando alla in sostanziale silenzio, al di là delle querelle legali, delle indiscrezioni, delle speculazioni, che fanno parte della sceneggiatura di questo trofeo che continua a suscitare travolgenti passioni dal 1851 quando lo Schooner America, simbolo della inventiva progettuale del nuovo mondo attraversò l’Atlantico, batté platealmente gli inglesi a Cowes in una regata intorno l’ isola di Wight e alla Regina Vittoria, regale spettatrice che chiese chi fosse il secondo, fu risposta la celebre frase “ Maestà non c’è un secondo”, tanto la vittoria, e quindi la britannica umiliazione, erano stati grandi.

Da allora per questo Trofeo, la Coppa delle 100 Ghinee, si è combattuto in ben 35 edizioni. Fino al 1983 il New York Yacht Club al quale fu donato perché fosse messo in palio in una “regata amichevole tra nazioni” riuscì a difenderlo. Poi arrivò Alan Bond, un energico imprenditore immobiliare con una vita imprenditoriale di alti e bassi, e soprattutto Ben Lexcen, geniale progettista autodidatta, che riuscì a inventarsi una barca con una pinna con due alette che stracciò l’eroe a Stelle e Strisce Dennis Conner e decretò la fine dell’imbattibilità USA dopo 132 anni.

Quel 1983 passerà alla nostra storia anche per la prima sfida italiana, quella di Azzurra, il 12 metri – allora si regatava con queste barche elegantissime – disegnato dal romano Andrea Vallicelli, voluta da un consorzio a traino Aga Khan, Beppe Croce, Gianni Agnelli, e per lui Luca Montezemolo, e Cino Ricci, travolgente skipper romagnolo. Azzurra, che correva col guidone dello Yacht Club Costa Smeralda andò meglio del previsto e passò nella semifinale dei challenger. Australia II era però inarrestabile.

Da allora sono volati 36 anni. La Coppa è migrata in Australia, in California, a Valencia, nuovamente in California, alle Bermuda e ora è di nuovo in Nuova Zelanda. In Italia la Coppa ha affascinato e coinvolto imprenditori che tanti mezzi ed energia le hanno dedicato. Da Maurizio Gucci, a Raul Gardini, a Vincenzo Onorato. Ed Ernesto Bertarelli, svizzero, ma nato a Roma, che con un gruppo di kiwis capitanati da Russel Coutts, quel trofeo, sotto bandiera svizzera, l’ha pure vinto nel 2003. Nessuno però ha mai investito tanta energia, passione e dedizione alla Coppa come Patrizio Bertelli che oggi con Luna Rossa, supportata da Prada e Pirelli, è alla sua quinta sfida. Una sfida il cui team viene presentato venerdì 21 giugno a Palermo, nella sede del Circolo Vela Sicilia del Presidente Agostino Randazzo con il cui guidone la Luna corre di nuovo. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma