Al Pala Pellicone di Ostia concluso
il Campionato Italiano di Lotta

Domenica 12 Gennaio 2020 di Umberto Serenelli
Cala il sipario sul Campionato italiano di assoluti di Lotta olimpica che ha visto protagonisti, al Pala Pellicone di Ostia, atleti di grosso spessore a livello italiano gareggiare con i colori delle più importanti società dello stivale. Nella due giorni i 30 lottatori e lottatrici si sono avvicendati sul tatami e alla fine fregiati dell’alloro tricolore in un Assoluto che ha costretto l’organizzazione ad anticipare a gennaio l’evento per l'imminenza di due importanti appuntamenti internazionali come la Ranking Series (15/18 gennaio) e l'Europeo Seniores (10/16 febbraio).

LA SODDISFAZIONE DEI GRUPPI SPORTIVI
Sul gradino più alto dei club partecipanti sono saliti il Cus Torino, nello stile libero, le Fiamme Oro, nella greco romana, e i Carabinieri nella femminile, team che ha prevalso sui 103 partecipanti per un totale di 219 tra atlete e atleti partecipanti. «Non poteva andare meglio – sottolinea Massimiliano Saglietti del Cus Torino al termine della manifestazione tricolore - oltre al primo posto in classifica nella libera siamo giunti secondi, a pari merito, nella femminile. Da non sottovalutare poi il terzo posto nella greco romana e soprattutto questo risultato è un riconoscimento prezioso del lavoro svolto». Sorridono anche i vertici delle Fiamme Oro. «Siamo riusciti a riconfermare diversi campioni italiani e sul podio sono saliti nuovi atleti emergenti – precisa il dt Marco Arfè -. Con questi risultati i nostri uomini potranno partecipare agli Europei del prossimo febbraio. Inoltre, ci terremmo ad avere un nostro atleta qualificato per Tokyo, così come fu per Andrea Minguzzi nel 2008 a Pechino, che poi ci premiò con la medaglia d’oro».

PRONOSTICO RISPETTATO
Neppure il gruppo sportivo dell’Arma nasconde soddisfazione per gli ottimi piazzamenti in occasione del Campionato. «Il podio nel femminile - precisa l’olimpionico Peppe Giunta – conferma le scelte oculate del Gs Carabinieri e costituisce una riposta, nella Lotta olimpica, legata all’istituzione di una sezione dedicata all’arruolamento di giovani talentuose. Un ringraziamento va, quindi, ai vertici dell’Arma che hanno creduto in noi e anche alle atlete». Peccato che delle 30 medaglie d’oro non tutte saranno interessate all’appuntamento delle Olimpiadi di Tokyo. Infatti nella Lotta sono solo 6 le categorie di peso per ciascuna specialità (greco romana, libera e femminile) a contendersi il podio a cinque cerchi. «Questo non ha abbassato il livello di competitività dell’Assoluto – tiene a precisare il Team manager della nazionale, Lucio Caneva - abbiamo assistito a gara entusiasmanti. Al Pala Pellicone abbiamo visto rispettati pronostici con la riconferma di alcuni, ma anche avuto sorprese in alcune categorie dove i giovani hanno spinto particolarmente per bruciare le tappe in una gara seniores. Questo è un buon segno dello stato di salute della Lotta azzurra che è in crescita qualitativa».

GLI ATLETI FINITI SUL PODIO
Gli atleti finiti sul podio dell’impianto lidense. Stile libero: Givi Davidovi (CUS Torino 57 Kg), Simone Piroddu (Athlon Sassari 61 Kg), Abdellatif Mansour (CUS Torino 65 Kg), Gianluca Talamo (Wrestling Liuzzi 70 Kg), Giuseppe Rinella (Fiamme Oro 74 Kg), Salvatore Diana (Fiamme Rosse 79 Kg), Aron Caneva (CS Esercito 86 Kg), Simone Iannattoni (Fiamme Oro 92 Kg), Abraham Conyedo (Club Atletico Faenza 97 Kg), John Malo (Zerocento 125 Kg). Greco romana: Giovanni Freni (Fiamme Oro 55 Kg), Jacopo Sandron (CS Esercito 60 Kg), Enio Kertusha (Lotta Club Rovereto 63 Kg), Ignazio Sanfilippo (Fiamme Azzurre 67 Kg), Riccardo Glave (CUS Torino 72 Kg), Matteo Maffezzoli  (Fiamme Oro 77 Kg), Ciro Russo (Fiamme Oro 82 Kg), Mirco Minguzzi (Imolese Lotta 87 Kg), Nikoloz Kakhelashvili (Club Atletico Faenza 97 Kg), El Mahdi Roccaro (Fiamme Oro 130 Kg). Nella categoria femminile: Emanuela Liuzzi (GS Carabinieri  50 Kg), Sara Ettaki (CAP Como 53 Kg), Ambra Campagna (Portuali Savona 55 Kg), Arianna Carieri (Wrestling Liuzzi 57 Kg), Teresa Lumia (GS Carabinieri  59 Kg), Aurora Campagna (Fiamme Oro 62 Kg), Veronica Braschi (Chiavari Ring 65 Kg), Dalma Caneva (CS Esercito 68 Kg), Enrica Rinaldi (Club Atletico Faenza 72 Kg), Eleni Pjollaj (Fiamme Oro 76 Kg). 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

´╗┐Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma