ROMA

Attraversamenti multipli, torna a Roma e Toffia il festival multidisciplinare Il programma

Giovedì 17 Settembre 2020
“Il festival Attraversamenti Multipli in questa edizione è accompagnato dal tema / slogan everything is connected – tutto è connesso. L’ effetto farfalla / butterfly effect riguarda la nostra fragilità e la nostra totale interdipendenza. Siamo tutt* interconnessi attraverso relazioni non lineari. Viviamo in un pianeta danneggiato e, come scrive Donna Haraway, l'unica soluzione è costruire trame relazionali con l’altro da sé: individui umani e altre specie. Non siamo autosufficienti, siamo una realtà complessa e articolata. Stare nel mondo e costruire mondi sono esercizi collettivi e multipli, nei quali agire significa, consapevolmente o meno, agire in interazione con altre creature e diversi contesti sociali, culturali e ambientali.

Nel 2020 Attraversamenti Multipli festeggia il suo ventesimo anno di vita. Il suo percorso tra gli orizzonti mobili delle performing arts è iniziato nel 2001. Oggi, in un anno segnato da una pandemia globale, più che mai pensiamo sia importante rilanciare e rafforzare la sua natura di organismo multiplo & meticcio, la sua costante interazione con gli spazi pubblici e i contesti che abita, la sua sperimentazione di formati artistici particolari. Attraversamenti Multipli 2020 concepisce l’arte come progetto di avvicinamento e congiunzione di tutto ciò che è stato reciso e spinto verso distanze contrapposte, nella prospettiva di un’interazione capace di superare le frontiere, di creare sconfinamenti, di costruire nuovi mondi.

Abbiamo scelto di percorrere questa edizione che segna i primi 20 anni di vita di Attraversamenti Multipli insieme ad artisti / compagnie / progetti che già avevano attraversato il festival in altre tappe. È una scelta precisa: costruire il festival nell’ anno dell’emergenza mondiale Covid-19 è stato complesso e abbiamo scelto di festeggiare questi 20 anni con un non-compleanno e celebrare questo 20° edizione semplicemente rilanciando le linee di azione Attraversamenti Multipli e rafforzando le relazioni non lineari di una comunità temporanea creata da artisti / cittadini / spettatori, per costruire un habitat per tutti. Il presente del distanziamento fisico è il tempo del riavvicinamento sociale nutrito da esperienze collettive capaci di inventare nuove pratiche di resistenza e d’ immaginazione. Per resistere felicemente a questo tempo per continuare a immaginare mondi diversi per riconnettere stimoli e sguardi, sogni e pensieri...oltre le ferite. “

Dal 18 al 27 settembre, negli spazi urbani dell’isola pedonale di Largo Spartaco nel quartiere romano del Quadraro, si svolge la 20a edizione del festival crossdisciplinare Attraversamenti Multipli, accompagnato dal tema / slogan everything is connected – tutto è connesso. Il festival è ideato e organizzato dalla compagnia teatrale Margine Operativo, con la direzione artistica di Alessandra Ferraro e Pako Graziani, è vincitore dell'Avviso Pubblico "Estate Romana 2020 - 2021 - 2022" e fa parte di Romarama, il palinsesto culturale promosso da Roma Capitale in collaborazione con Siae, ed è realizzato con il contributo della Regione Lazio. Il festival indaga la relazione tra le arti performative contemporanee e il presente attraverso la presentazione di spettacoli e performance site specific nei paesaggi urbani. Attraversamenti Multipli si pone in stretta connessione con il contesto in cui agisce, valorizza attraverso le sue azioni artistiche spazi urbani riqualificati e luoghi protagonisti di processi di auto recupero, relazionandosi con il tessuto della comunità che l’accoglie.

L’edizione 2020 si svolge a Roma e in un paese nella provincia di Rieti: Toffia. Il programma di Attraversamenti Multipli 2020, si sviluppa seguendo la prospettiva della interconnessione tra azioni artistiche / spazi di vita / persone. Il festival si sviluppa attraverso 6 giorni di eventi artistici a Roma il 18, 19, 20 e 25, 26, 27 settembre, e in due giornate a Toffia il 3 e il 4 ottobre. Attraversamenti Multipli presenta SITE SPECIFIC creati in esclusiva per il festival in interazione con gli spazi che gli accolgono, progetti artistici con formati temporali e relazionali particolari, performance che ibridano diversi generi artistici, opere aperte e in divenire che si mostrano al pubblico nella loro fragilità, spettacoli dedicati alle nuove generazioni di spettatori. Attraversamenti Multipli 2020 Presenta 28 spettacoli e ospita nel suo programma 20 compagnie di artisti diversi tra di loro per generazione e poetiche, ma accomunati dalla loro ricerca a connettere ed espandere i linguaggi delle arti sceniche contemporanee creando opere innovative che forzano i generi, superano i confini ed esplorano nuovi mondi. Nel suo percorso attraverso gli orizzonti mobili delle performing arts contemporanee Attraversamenti Multipli 2020 propone a Roma, Largo Spartaco  il 18 settembre il site specific creato in esclusiva per il festival da BALLETTO CIVILE diretto da Michela Lucenti “Paesaggio d’interni / azione danzata”, il palco è la strada, la scena un interno. La coreografa GIOVANNA VELARDI è in azione con un riadattamento urbano, creato per festival, della performance “Look me inside”, dove un corpo danzante indossa un “tessuto di luce” per squarciare il buio.

Il Collettivo AMIGDALA presenta “Lettere anononime per un camminatore” una performance che si sviluppa in un percorso itinerante sonoro, un’esplorazione che ogni spettatore compie in solitudine, costruito ad hoc per il Quadraro, che viene proposto per due giorni (18 e 19 settembre). La compagnia LACASADARGILLA, diretta da Lisa Ferlazzo Natoli, all’ interno della sezione del festival dedicata ai formati artistici particolari presenta l’istallazione sonora e video “La stanza della rivoluzione” che viene proposta in loop per tre giorni per piccoli gruppi di spettatori (18,19,20 settembre ).

Il 19 settembre > nel segno della connessione tra generi artistici diversi il rapper MILITANT A frontman degli Assalti Frontali presenta, attraverso un inedito reading che intreccia in modo spettacolare il rap con lo slam poetry, il suo libro “Conquista il tuo quartiere e conquisterai il mondo. La mia vita con il rap”. “Wall Dialogue Resistance”, è il site specific creato per il festival da SARA MARASSO e STEFANO RISSO – Il cantiere, un opera aperta e in divenire dove si intrecciano la danza e la musica live in dialogo con i paesaggi urbani per rispondere alla domanda ”Cosa c’è al di là del muro?”.

All’interno dell’ attenzione che Attraversamenti Multipli ha sempre avuto verso le realtà emergenti della scena contemporanea, si inserisce la presentazione in anteprima della nuova opera di CONSORZIO GRANOLUCISANO, un esperimento scenico creato attraverso una residenza artistica ospitata dal festival, che vede in azione 5 fisici e 5 danzatori “Alix Mautner Aveva Grande Curiosità Per La Fisica - Stagione 2“. Inoltre il 19 settembre sono ancora in programma: il percorso itinerante sonoro di Collettivo Amigdala e l’ installazione sonora di Lacasadargilla: Il 20 settembre > In continuità con lo spirito del festival di connessione con diversi pubblici anche quest’anno una sezione del festival è dedicata alle NUOVE GENERAZIONI DI SPETTATORI, apre questa parte del programma dedicata ai Kids alle ore 18 la compagnia italo francese MADAME REBINÈ che presenta lo spettacolo di circo contemporaneo, ciclo-comico “Giro della piazza”.

La sera, dalle ore 21, sono in programma due site specific, che ibridano diversi codici artistici, creati per il festival da MARGINE OPERATIVO: la performance La Frontiera con Tiziano Panici e Odissea Furiosa una performance creata in collaborazione con la danzatrice e coreografa Francesca Lombardo. Inoltre dal è è ancora in programma l’ installazione sonora e visiva di Lacasadargilla. Il 18, 19 e il 25, 26 settembre viene presentata, in una inedita veste creata ad hoc per questa edizione del festival, un’operazione artistica site specific che ha fatto la storia di Attraversamenti Multipli (ed era il suo fulcro nelle edizioni nei luoghi di viaggio): la radio e street tv performativa “TeleRadio Metropoli”.

La nuova versione di questo formato artistico ibrido e originale è realizzata da MARGINE OPERATIVO in collaborazione con L’ ULTIMO NASTRO DI KRAPP formato da Simone Giustinelli e Stefano Patti. “TeleRadio Metropoli” è uno show live open air che racconta il festival in diretta attraverso un palinsesto audiovisivo in espansione, dove si incrociano la realtà e il fantastico. 25 settembre > Il secondo weekend del festival inizia alle ore 19 con la presentazione del libro “The New York Nobody Knows: Walking 6.000 Miles in the City “di William B. Helmreich, a cura del giornalista e scrittore GIULIANO SANTORO, un libro dedicato alle esplorazioni urbane attraverso la pratica del camminare. Alle ore 21 CARLO MASSARI / C&C company presenta una originale versione urbana, creata ad hoc per il festival, dello spettacolo di teatro-danza “Don’t be afraid” che, nello stile della compagnia, è indirizzato a un’indagine fisica e drammaturgica, in stretta relazione con tematiche sociali.

La serata prosegue con ANDREA COSENTINO che propone, in esclusiva per il festival, un’edizione speciale dello spettacolo teatrale “Kotekino Riff - esercizi di rianimazione reloaded”, impreziosito dal dialogo con il clarinettista Marco Colonna, in una vera e propria jam session tra teatro e musica. 26 settembre > in continuità con la scelta del festival di presentare formati temporali e relazionali particolari SALVO LOMBARDO / CHIASMA presenta il site specific Alone in the multitude, un dispositivo performativo che prevede una relazione diretta tra il performer e uno spettatore per volta, attraverso un’ azione della durata di cinque minuti che si replica in loop. MARGINE OPERATIVO presenta un'altra tappa del suo progetto performativo sullo sconfinamento: il site specific Beautiful Borders con la danzatrice Francesca Lombardo. Il festival è da sempre attento a valorizzare le drammaturgie del contemporaneo, all’ interno di questa linea artistica la compagnia AMENDOLA / MALORNI presenta lo spettacolo di teatro Eravamo.

Un racconto scenico originale scritto da Simone Amendola che corre sul filo della ricerca d’identità dei vent’anni. 27 settembre > Sempre al’ interno dell’interesse del festival per i dispositivi artistici particolari, si colloca la camminata pubblica proposta VALERIO SIRNA + ARIANNA LODESERTO / DOM- che creano per il festival una tappa originale ed esclusiva del progetto di attraversamento della città Mamma Roma_ Esplorazioni urbane / Pratiche della percezione. Un percorso che parte alle ore 17 e si snoda lambendo le palazzine del Quadraro, Tuscolano, Centocelle, dove l’ esercizio del camminare è inteso come strumento di conoscenza della relazione sottile e dirompente che lega il corpo al paesaggio che attraversa. Alle ore 18, all’ interno della sezione del festival dedicata ai giovanissimi spettatori il poliedrico artista MAX PEDERZOLI presenta “One Man Variety” uno spettacolo surreale e divertente che intreccia magia, acrobazia, beat box, pupazzi animati e giocoleria. Alle h 21 viene presentato il site specific “Re-Action” creato da C&C Company, la performance è la restituzione scenica del laboratorio di teatro fisico ospitato dal festival ed esplora gli elementi drammaturgici della danza e dei linguaggi performativi in un contesto urbano. Durante tutte le sei giornate di eventi a Largo Spartaco è esposta la mostra fotografica “Atti performativi e spazi urbani” che presenta, attraverso lo sguardo di cinque fotografe, le immagini delle performance in diverse location urbane e inconsuete di 60 compagnie di artisti durante gli eventi artistici del festival Attraversamenti Multipli dal 2001 al 2019.

3 e 4 ottobre – TOFFIA (Rieti) - Piazzale della Chiesa di S. Lorenzo In continuità con lo spirito de festival di connessione con diversi pubblici anche quest’anno le due giornate del festival programmate nei suggestivi spazi di Toffia, sono dedicate alle nuove generazioni di spettatori. 3 ottobre > la compagnia TEATRO DELLE APPARIZIONI presenta il suo nuovo spettacolo dedicato all’ infanzia “Ritorno al Teatro” (dai 7 anni). Un grande cerchio per ascoltare, guardare, accogliere quello che accade; uno spazio di storie e racconti che si compone nel presente. 4 ottobre > L’ artista canadese ANDRÉANNE THIBOUTOT presenta lo spettacolo “Hoopelaï” una sognante performance che intreccia il circo contemporaneo con il teatro, ricca di prodezze con gli hula hoops. Uno spettacolo adatto a un pubblico dai 0 ai 99 anni. A seguire è in programma il travolgente e frizzante street concert dei VEEBLEFETZER duo tascabile dove a fare le acrobazie è il suono. ______________________________________________________________________

I Laboratori del festival Spazio anche alla formazione a Roma con due laboratori gratuiti: - Carlo Massari / C&C company conduce il workshop Re-Action: un laboratorio di danza e teatro fisico rivolto a danzatori e performer, che si svolge dal 23 al 27 settembre. La performance creata durante il laboratorio viene presentata pubblicamente il 27 settembre -Consorzio Granolucisano, formato dalle danzatrici/performer Teodora Grano e Chiara Lucisano, propone un laboratorio rivolto a osservatori / spettatori che si svolge all’ interno della residenza artistica di costruzione della performance Alix Mautner Aveva Grande Curiosità Per La Fisica - Stagione 2 - che vede coinvolti un gruppo fisici e dei danzatori. Questo site specifc verrà presentato il 19 settembre. Il Blog del festival In continuità con le ultime edizione anche nel 2020 il festival verrà raccontato in diretta attraverso un Blog. La redazione del Blog è curata da una Redazione Meticcia che fa parte del progetto Spettori Migranti / Attori sociali, ideato da Luca Lotano con il supporto della webzine Teatro e Critica. La redazione meticcia è formata da giovani di diverse provenienze, i blogger creano un diario di viaggio multimediale del percorso di Attraversamenti Multipli 2020.

www.attraversamentimultipli.it informazioni: info@attraversamentimultipli.it
Ultimo aggiornamento: 15:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA