ROMA

Napoli nel cuore. Al teatro Sette lo spettacolo in ricordo di Mario Finamore

Venerdì 10 Ottobre 2014
Spronati dalla toccante e costruttiva esperienza dello scorso anno che ha permesso di raccogliere in una sola serata i fondi per l’acquisto di un defibrillatore per il Liceo Garibaldi, i protagonisti di "Napoli nel cuore" tornano in scena domenica 12 ottobre al Teatro Sette di Roma per una serata benefica di poesia e musica.



Un evento intitolato al ricordo di un grande giornalista ed operatore, Mario Finamore, che nonostante i suoi 40 anni lontano da Napoli (in RAI prima ai programmi culturali poi alla direzione di diverse Sedi Regionali), si sentiva ancora vicinissimo nell’animo alla sua città ed ha sempre fatto molto per valorizzarne il patrimonio culturale.



Un evento incentivato al sostegno benefico di realtà minori come, in questa edizione, la casa famiglia per disabili di Corso Novara a Napoli, che ospita da tempo alcuni disabili rimasti senza famiglia, a cui verrà devoluto il ricavato. Un evento, infine, che vede l’amichevole partecipazione di artisti del calibro di Pino Ammendola, Antonello Avallone, Maria Pia De Vito, Franco Gargia, Mario Maglione, Vittorio Viviani, tutti – dal teatro alla musica, dal palcoscenico classico al jazz innovativo – legati inossidabilmente alla tradizione sentimentale della città di Napoli. La Napoli culla di culture, luogo delle mille contraddizioni - per dirla con Benedetto Croce – è un paradiso abitato da diavoli. Ma le sue contraddizioni fanno parte del fascino della sua gente, personaggi, icone, atmosfere raccontate da grandi autori, intellettuali che spesso provengono dal popolo e che forse proprio per questo hanno avuto la capacità di rappresentare le diverse umanità dei Napoletani con le loro debolezze ma sempre con grande dignità. La voglia di raccontare quella nobiltà di animo, quell’universo sociale e culturale che Napoli ha espresso nella storia ad altissimo livello e che fa sì che alla Cultura Napoletana si rimanga profondamente, visceralmente legati troverà dunque in Napoli nel cuore un suo percorso emozionale specifico, attraverso le opere di alcuni suoi grandi autori.




«Napoli nel cuore – afferma il curatore della serata, Fabrizio Finamore - vuole essere un viaggio anche ironico nella cultura, nel disincantato rapporto con il destino, con la ciorte, in quella che è la visione del mondo e della vita all’ombra del Vesuvio, quella weltanschauung tipicamente napoletana che travalica epoche e ceti sociali e che ha profondamente influenzato questa cultura nei secoli. Una cultura che è intimamente legata alla sua culla, la città di Napoli, ma che oggi non ha confini geografici. La napoletanità si racconta, si tramanda, la si passa con i geni. Si può vivere, respirare tutto questo anche in un appartamento di Roma, di Milano o di New York. Perché sono gli uomini più che i luoghi ad avere reso grande questa cultura, quegli “uomini d’amore” per dirla con De Crescenzo, che noi chiamiamo napoletani.»



E anche il caso di Mario Finamore è quello di molti napoletani nel mondo da sempre ambasciatori della propria cultura in pectore. Questo spettacolo è dunque un atto d’amore per le proprie radici e le opere di artisti che hanno scritto di Napoli un giorno per dar modo a noi di capirla e apprezzarla di più anche oggi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La generazione che snobba i motorini e pure i bolidi

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma