Ennio Morricone, incontro-concerto a La Sapienza: al maestro il premio alla carriera

Martedì 23 Ottobre 2018
Ennio Morricone, incontro-concerto a La Sapienza: al maestro il premio alla carriera
Un premio per onorare la carriera di un grande maestro, oltre che di un importante ambasciatore della musica italiana. Questo pomeriggio, nell’Aula Magna del Rettorato dell’università La Sapienza di Roma, si è svolto un incontro-concerto con Ennio Morricone, in occasione del conferimento del premio e dei riconoscimenti ai giovani talenti e agli artisti illustri del cinema, che saranno consegnati dalla Fondazione Pio e Rossella Angeletti.

Un evento, promosso da Videocittà con la Sapienza, la Fondazione Angeletti e l’organizzazione Studios, in partnership con la Siae e con la collaborazione dell’Istituzione universitaria dei concerti, al quale hanno partecipato anche altri tre premi Oscar: Dante Ferretti, Francesca Lo Schiavo e Allah Rakha Rahman, vincitore di due statuette per la migliore colonna sonora e per la miglior canzone del film The Millionaire (SlumDog Millionaire) del 2008.

 
La presenza di Rahman rappresenta di fatto un omaggio dall’India, Paese partner e ospite della prima edizione di Videocittà. Alla presenza del Magnifico Rettore dell’Università La Sapienza di Roma Eugenio Gaudio, di Francesco Rutelli, ideatore di Videocittà e presidente dell’Anica (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive Multimediali) e del direttore de Il Messaggero Virman Cusenza, oltre al premio alla carriera a Morricone sono stati assegnati anche due premi per giovani talenti al compositore di colonne sonore Lamberto Curtoni e a Davide Ulissi, addetto al controllo delle riprese digitali, oltre che a due artisti illustri del cinema come Nino Castelnuovo e Carlo Croccolo. Al termine della premiazione, l’Orchestra di Roma Sinfonietta diretta da Andrea Morricone ha suonato alcuni dei brani più famosi di Ennio Morricone e di altri autori. 
Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre, 14:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Piumino, t-shirt e calzini bassi, ma i ragazzi non hanno freddo?

di Raffaella Troili