Grazia Di Michele al Messaggero Tv: «A Sanremo continuavano a chiamarmi prof»

Mercoledì 11 Marzo 2015 di Marco Molendini

​Reduce dall'avventura sanremese la prof. di Amici Grazia Di Michele ha realizzato un bel disco, elegante, raffinato e tosto di quelli, come dice lei, che vanno ascoltati, studiati, digeriti. Titolo: Il mio blù, raccolta di canzoni (tutte sue) con una sofisticata confezione jazzistica (al suo fianco c'è il trio del pianista Paolo Di Sabatino) e alcune preziose collaborazioni come quella con uno degli autori migliori che ci siano in circolazione, Mario Venuti.

Grazia è venuta a presentare il disco al Messaggero tv, prima di riprendere il suo posto nell'edizione serale del talent di Canale 5 e prima di mettersi in viaggio con tour che sta congegnando assieme al suo complice festivaliero Mauro Coruzzi, più noto come Platinette. «Stiamo pensando – racconta – a un giro teatrale in cui mettere accanto alle canzoni dei testi, ma provando anche a divertire il pubblico».

La vicenda sanremese con una canzone coraggiosa come "Io sono una finestra", sul tema della diversità, è andata meglio di quanto si aspettasse: «All'inizio c'era qualche timore, anche perché qualcuno ha cominciato a parlare di speculazione su un tema delicato. Ma il pezzo voleva essere tutt'altro ed è stato compreso e accettato abbastanza bene». All'Ariston Grazia Di Michele si è trovata nella curiosa situazione di avere al suo fianco come concorrenti un bel po' di ragazzi venuti proprio da Amici, compresa una delle due coconduttrici, Emma: «Era buffa la situazione, perchè tutti continuavano a chiamarmi prof, come se fossimo ancora nel programma e poi dopo aver cantano mi chiedevano, come sono andato?».

In realtà, con Mauro Coruzzi, Grazia Di Michele si è tenuta assai lontana dal clima rovente della gara, un po' come aveva fatto nelle sue altre partecipazioni al Festival. Episodi lontani, si va indietro ai primi anni Novanta: «La prima volta fu con una canzone dedicata alle incomprensioni fra me e mio padre» racconta, confermando come il suo ruolo nel Sanremo, dove spopolano le canzoni che parlano d'amore nel modo più banale possibile, sia sempre stato quello della cantautrice pronta comunque a sollevare temi che riguardano la vita reale. «Nel 93 tornai in coppia con Rossana Casale e un pezzo che si chiamava Gli amori diversi», quasi un richiamo a quello che avrebbe riproposto ventidue anni dopo con "Io sono una finestra".

Ultimo aggiornamento: 15 Marzo, 13:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare da soli? “Un sacco bello”. Anche senza andare in Polonia

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma