ULTIMA ORA

Freddie Mercury oggi avrebbe compiuto 74 anni: i record della più bella voce di sempre del rock

Sabato 5 Settembre 2020 di Riccardo De Palo
1
Freddie Mercury oggi avrebbe compiuto 74 anni: i record della più bella voce di sempre del rock

Se fosse ancora vivo, Freddie Mercury oggi avrebbe 74 anni: forse amerebbe scrutare le stelle, come il coetaneo Brian May, astrofisico per passione e chitarrista d’eccezione. Pochi ricordano che la voce del rock con la più ampia escursione tonale (e forse anche la più bella di sempre) era nato a Zanzibar, da una famiglia indiana seguace di Zoroastro, e che il suo vero nome era Farrokh Bulsara. Quando i Queen cominciarono a diventare un fenomeno globale, qualcuno fece notare questa curiosa rimozione; fu lo storico batterista Roger Taylor a difenderlo, dopo la sua morte: Freddie riteneva le sue origini incompatibili con la sua immagine pubblica. 

Live Aid, compie 35 anni il più grande concerto per solidarietà

Dal Tempio del Fuoco dei seguaci di Zoroastro, Freddie passò a quello del rock, riuscendo a imporre i Queen - nome così denso di riferimenti omosessuali, ma anche regali - come la band più importante del suo tempo. 
Non amava prendere scorciatoie. Una canzone come “Bohemian Rhapsody”, così densa di riferimenti diversi, fu una vera scommessa. I Queen (era il 1975) rimasero per tre settimane in studio di registrazione, per affinare soprattutto la parte vocale. Difficile definire quel brano una semplice canzone: per alcuni è una delle pietre miliari della storia del rock, e anche della musica. L’incipit è, a suo modo, anche un manifesto poetico di Mercury: “Is this the real life?  Is this just fantasy?”
 
Qual è la sua canzone che amiamo di più? “We Are the Champions”, la più suonata durante ogni celebrazione di vittoria? “Tie Your Mother Down”, una delle più trascinanti? “Somebody to Love”? Raramente una scelta si rivelerebbe più difficile, e impossibile è risultato (malgrado gli ultimi tentativi dei Queen di rifarsi con un altro cantante, Adam Lambert), continuare la storia della band. I Queen non sono gli Ac\Dc.

Recentemente Elton John ha raccontato, nel suo libro di memorie “Me”, uno struggente episodio della sua amicizia con Mercury. Poco prima di morire, il 24 novembre del 1991, il frontman dei Queen aveva preparato un regalo di Natale da consegnare al cantante di “Rocket Man”. I due amavano prendersi in giro e chiamarsi con dei nomi da donna, Sharon e Melina. Freddie consegnò un pacco all’amico, mentre stava ormai morendo per Aids, e lo pregò di aprirlo soltanto il 25 dicembre. Cosa che lui fece.

“L’ho aperto – ha scritto nelle sue memorie Elton John – e all’interno c’era un dipinto realizzato da uno dei miei artisti preferiti”. C’era anche un messaggio, nella busta: “Cara Sharon, ho pensato che questo quadro ti sarebbe piaciuto. Buon Natale. Con amore, Melina”. Inevitabile, per il cantante, sentirsi “travolto dall’emozione”:  “Quell’uomo fantastico stava morendo di AIDS eppure, nei suoi ultimi giorni di vita, in qualche modo era riuscito a trovare un regalo di Natale per me”.

 

Ultimo aggiornamento: 18:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA