Blondie, stregati da una bionda

Domenica 8 Aprile 2018 di Enrico Gregori
Non è sempre giusto attribuire parte del successo di una band al cosiddetto frontman, il cantante sexy che trascina il pubblico con le sue performance.
Ci siamo mai chiesti quante band devono parte del successo a una frontwoman? E spesso non è affatto uno sterile discorso iconografico, ma di autentica sostanza musicale. Per cui questa rubrica farà il possibile per segnalare delle artiste vere e proprie icone di band di maschietti.



Blondie, ad esempio. Gruppo storico della new wave statunitense fondato da Debbie Harry e Chris Stein. Fu fondamentale nella scena punk e new wave della metà degli anni settanta.
Il primo album contiene importanti elementi del genere. Nonostante il fortissimo successo nel Regno Unito e in Australia, il gruppo fu considerato negli U.S.A. come "underground" fino al 1978, anno di pubblicazione di Parallel Lines. Nei tre anni successivi i Blondie portarono al successo molti singoli e divennero importanti per l'eclettico insieme di elementi dance pop e reggae. Il gruppo si sciolse nel 1982 dopo la pubblicazione dell'album The Hunter. Debbie Harry continuò con fortuna alterna la carriera da solista negli anni seguenti. Nel 1997 il gruppo si riformò e produsse alcuni singoli di successo, e altri 5 album di studio.
  Ultimo aggiornamento: 11 Aprile, 14:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA