Barcelona, il duetto (virtuale) di Caballé e Mercury alle Olimpiadi che unì un popolo

Sabato 6 Ottobre 2018 di Guglielmo Nappi
Barcelona, il duetto (virtuale) di Caballé e Mercury alle Olimpiadi che unì un popolo intero

Non riuscirono a cantarla insieme per la terza volta, la più importante. Freddy Mercury era morto qualche mese prima e il 25 luglio 1992 Monserrat Caballè salì sul palco dello stadio Olimpico di Barcellona senza avere al suo fianco la rockstar dalla voce più bella di sempre. Accanto a lei c'era Josè Carreras con il quale si esibì in "Amigos para siempre". Ma poi arrivò il momento di Barcelona. Sessantamila spettatori alzarono gli occhi al maxischermo e piansero guardando due leggende della musica sfidarsi a colpi di virtuosismi nel live di 4 anni prima al Montjuic. Quella fu anche l'ultima esibizione dal vivo del frontman dei Queen, vinto troppo presto dall'Aids.

LEGGI ANCHE Addio alla soprano Montserrat Caballé, una delle più grandi voci liriche del '900
 


"Barcelona" fu ideata da Mercury come un inno e ancora oggi rappresenta la canzone della rinascita di una città e di un popolo, ma non quello spagnolo. L'allora presidente del Cio Samaranch apostrofò così un giovane giornalista che si sorprendeva delle note stampa scritte in catalano e poi tradotte in castigliano, inglese e francese. «Pensa che il nostro sia un dialetto? Allora non conosce la nostra storia». E quella voglia di indipendenza non è stata mai perduta, anzi negli anni si è rafforzata. "Barcelona", ideata da un britannico, rappresenta questo e di più. E' l'unione di due geni che non ci sono più, è orgoglio, è meraviglia per l'udito. Ed è dolore per chi ricorda le lacrime di un popolo che canta come una sola voce, in una calda serata estiva, un inno magico.

Ultimo aggiornamento: 12:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani