Google non dovrà garantire il diritto all'oblio su scala globale: vinta la causa con la Francia

Martedì 24 Settembre 2019
Google, vinta la causa con la Francia: non dovrà garantire il diritto all'oblio su scala globale

Google non è obbligata ad applicare il diritto all'oblio su scala globale. Il motore di ricerca più popolare al mondo non dovrà necessarimente rimuovere i collegamenti a dati personali sensibili a livello mondiale: è questa la decisione sancita oggi, martedì 24 settembre, dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea, nella causa tra il colosso tecnologico e i regolatori della privacy francesi. In Francia il garante della privacy del CNIL nel 2016 aveva multato Google per 100 mila euro per aver rifiutato di eliminare informazioni sensibili dai risultati di ricerca su Internet a livello globale in base a quello che viene definito il «diritto all’oblio».

Facebook compra Ctrl-Labs: la start up che permette di controllare i dispositivi con il pensiero
Google, indagini antitrust in 50 Stati USA su posizione dominante

La battaglia tra il motore di ricerca, che vuole preservare il diritto a trovare informazioni sul suo sito, e alcuni stati membri dell'Unione si protrae da anni. Nel 2016 l'authority per la privacy della Francia aveva multato Google per 100mila euro in quanto il gruppo di Mountain View si era rifiutato di cancellare a livello globale i contenuti che in Europa hanno diritto all'oblio.
 

Ultimo aggiornamento: 11:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma