Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, Dillon e Ozpetek star a Trastevere: cena marinara tra amici e fan

Roma, Dillon e Ozpetek star a Trastevere: cena marinara tra amici e fan
di Kristina Radanovic
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Luglio 2015, 06:03 - Ultimo aggiornamento: 20:23

Hollywood a Trastevere, fra star, chiacchiere cinematografiche e golosità con “condimento” di clic e di ammiratori.

Sì, perché quella tavolata in un ristorante di piazza dei Ponziani, nell'affollato cuore di Trastevere, ha suscitato subito tanta curiosità. Era una comitiva di sette persone, capitanate da Ferzan Ozpetek e Matt Dillon. E in quel gruppo, il primo ad essere immediatamente visto e riconosciuto è stato Ozpetek. Lui sembrava “dirigere” anche la cena e dominare piacevolmente la scena conviviale. Il regista pareva addirittura mimare delle scene, perché durante la fitta e allegra conversazione con gli altri commensali, lui mostrava foto sul cellulare e quasi contemporaneamente disegnava in aria figure.

Camicia bianca di lino, Ozpetek era molto sereno, totalmente immerso nella serata tra amici. Seduta accanto a lui, c'era la ballerina, attrice e coreografa Roberta Mastromichele e, davanti a lei, il suo celebre compagno: l'attore Matt Dillon. Il divo americano e la romana Roberta sono fidanzatissimi ormai da tempo, e Dillon ha sfoggiato un idioma buffissimo: parlava soprattutto in americano, piazzando qua e là anche parole e frasi in italiano. Ma la strada, grammaticalmente parlando, potrebbe essere ancora lunga. Per tentare di tutelare la privacy, Dillon, jeans scuri, t-shirt e giacca blu, ha prudentemente scelto di stare seduto alle spalle del resto del ristorante. Al tavolo di Dillon e Ozpetek nel frattempo è arrivata anche la regista Maria Sole Tognazzi, giunta a Trastevere in sella al suo scooter, solare e abbronzatissima.

Presi come erano dalle golosità che il patron del locale Teodoro Filippini ha fatto preparare per il gruppo di artisti, dagli spaghetti con le vongole ai gamberi ai fiori di zucca fino al sorbetto di limone rigorosamente analcolico, Dillon e Ozpetek sulle prime non si sono accorti di essere “osservati”. Fino a quando hanno visto il King dei paparazzi Rino Barillari per poi “arrendersi” anche alla piccola folla di ammiratori che in “processione” hanno chiesto e ottenuto di poterli salutarli e scattare una foto per immortalare l'evento. Tra i primi a “scattare” in direzione di Matt Dillon è stato il regista colombiano Julio Ramirez: era a cena nello stesso locale quando ha capito che di fronte a lui c'era Rusty il selvaggio. Chissà che questa serata non sia il preludio di altri banchetti hollywoodiani sul Tevere. Dopo il set dell'agente 007 Daniel Craig, che a Roma si è regalato anche cenette con Monica Bellucci; finite le riprese di Ben Stiller che alla città e ai romani ha rivolto un tweet grato e prima di partire ha fatto una full immersion tra vicoli e ristoranti del centro, è in arrivo il fascinoso Jude Law, protagonista del nuovo film del regista premio Oscar Paolo Sorrentino. E non mancherà all'appuntamento con il gusto glam della Capitale.