Odore di cannabis a bordo, volo della British Airways costretto ad un atterraggio d'emergenza

Venerdì 22 Luglio 2016 di Antonio Bonanata
Sentirsi tra le nuvole, oltre che esserlo: potrebbe essere stata questa la sensazione provata dai passeggeri di un volo della British Airways, costretto ieri ad un atterraggio d’emergenza a causa di un forte odore diffusosi in cabina, che tutti hanno associato alla cannabis.

Disgustoso e penetrante: così è stato descritto dagli increduli viaggiatori, concordi nell’associare quel tanfo a fumo di marijuana. L’aereo, partito dallo scalo di Gatwick e diretto in Grecia, a Creta, è stato subito fatto tornare indietro ed è atterrato 90 minuti dopo il decollo. Uno dei passeggeri, Simon Skinner, ha twittato: “Il volo British Airways per Heraklion torna indietro per un odore disgustoso. Turisti delusi”. Stuart Barnes, anch’egli a bordo del volo, ha dichiarato al quotidiano The Sun: «Ci trovavamo nella quartultima fila e tutta l’area puzzava. Tutti dicevano che si trattava di cannabis».

Alcuni hanno anche pensato che l’odore fosse dovuto al filtro dell’aria condizionata, che magari non era stato pulito; ma più passava il tempo più si faceva più forte. Un disagio non da poco per gli sfortunati passeggeri, che una volta tornati all’aeroporto di partenza sono stati assegnati a un nuovo volo e hanno potuto raggiungere la Grecia senza intoppi.

La compagnia aerea, come da prassi in questi casi, ha commentato l’accaduto attenendosi ai fatti e difendendo il buon operato del suo personale di bordo. Queste le parole di una sua portavoce: «Non sono state trovate tracce di cannabis in cabina e nessuno che la fumasse in aereo. I nostri piloti hanno invertito la rotta dell’aereo per precauzione dopo che era stato segnalato un forte odore non identificato. Siamo rammaricati per il ritardo che i nostri clienti hanno dovuto subire».

Risoltasi la questione, restano però oscure le cause che hanno fatto propagare lo strano odore. Al momento non è dato sapere se la compagnia avvierà un’indagine per scoprire cosa lo ha originato. Eppure, la maggior parte dei passeggeri resta convinta che si trattasse proprio di cannabis. Ultimo aggiornamento: 16:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma