Covid, tir vaccinale per raggiungere i più fragili: l'iniziativa Live to Love

Covid, tir vaccinale per raggiungere i più fragili: l'iniziativa Live to Love
3 Minuti di Lettura

La corsa al vaccino è una corsa contro il tempo e vaccinarsi diviene è spesso difficile per chi non può raggiungere i luoghi degli hub istituzionalizzati. Così l’associazione onlus Live to Love - Vivere per Amare ha deciso di istituire, gratuitamente, un tir vaccinale mobile per raggiungere tutte quelle persone che vivono in zone poco accessibili e che hanno difficoltà a raggiungere i presidi vaccinali di zona. «L’idea è nata vedendo le immagini di quei vecchietti che hanno percorso anche chilometri per vaccinarsi - spiega Carlo Molino medico e presidente dell’associazione Vivere per Amare -. Quelle immagini che suscitano una tenerezza infinita, ma rivelano anche un reale disagio ci hanno spinto a pensare e quindi realizzare una postazione mobile vaccinale». 

Tutte ultranovantenni, tutte vaccinate: il record di quattro sorelle ciociare

Da oggi Asl o Enti preposti di tutta Italia potranno richiedere alla onlus il supporto logistico per vaccinare chi vive in aree off limits o comunque poco praticabili. Pensiamo a quei Comuni meravigliosi e caratteristici che però sembrano tagliati fuori dal mondo: «Ecco, noi vogliamo dire alle persone che hanno difficoltà a raggiungere quelle postazioni vaccinali che siamo pronti a dargli una mano» - conclude il dottor Molino. 

Vaccini, Zingaretti: «Nel Lazio immunità di gregge in tempi brevi, sarà un'estate diversa»

In attesa delle autorizzazioni delle Asl, l’associazione “Vivere per Amare” è in procinto di siglare un protocollo d’intesa con il Corpo Militare dell’Ordine di Malta per la disponibilità di medici e di infermieri e con l’Archeoclub d’Italia – Nucleo di Protezione Civile – per l’impiego in concorso sull’intero territorio nazionale.

Il tir è suddiviso in tre parti: «I due vani centrali - spiega Mariano Barbi vice presidente associazione Vivere per Amare -, comprendono una sala di attesa e un ambulatorio iper attrezzato dotato tra l’altro di carrello d’emergenza, defibrillatore, elettrocardiografo, sterilizzatrice, ossigeno. Nell’ulteriore vano posteriore trova posto una sala spogliatoio con bagno e doccia a disposizione del personale impiegato”. Inoltre il tir è dotato di tre sistemi di aria condizionata, un generatore, un impianto elettrico e sistema antincendio attuali e a norma. Il tir vaccinale è stato presentato a Napoli presso sede del Comando Logistico della Marina Militare, a Nisida: «La Marina Militare è un prima linea per contrastare la pandemia aiutando le istituzioni, il sistema sanitario e la Protezione Civile. La Marina militare è lieta di appoggiare iniziative come queste»- ha dichiarato il Capitano di Vascello Stefano Calvetti - Capo Uficio Generale del Comando Logistico Marina Militare.

Green pass in Italia, sarà tolta la quarantena agli stranieri: riconosciuti vaccini e test fatti in patria

Mercoledì 5 Maggio 2021, 12:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA