No vax, l'ex ufficiale Cia in tour contro il virus: «La pandemia? Una bufala». Ma si contagia e muore

No vax, l'ex ufficiale della Cia in tour contro il virus: «La pandemia è una bufala». Ma si contagia e muore
4 Minuti di Lettura
Martedì 31 Agosto 2021, 12:26 - Ultimo aggiornamento: 12:48

Un ex ufficiale della Cia, diventato popolare negli Usa per aver diffuso le teorie del complotto, è morto di Covid, durante un tour anti-vax in Florida. Robert David Steele si era vantato di essere stato il primo a dichiarare la pandemia «una bufala» e si era rifiutato di credere nel virus fino alla fine. Steele era nel mezzo del suo «Arise USA! tour» in tutto il paese per «risvegliare la nazione sulla verità del virus», promuovendo il suo messaggio No vax e le sue teorie cospirative. Ma è stato ricoverato all'inizio di agosto dopo essere risultato positivo al virus e la sua morte è stata poi confermata da un amico, domenica 30 agosto.

Candido Avezzù, il poliziotto morto di Covid. L'ex compagna: «No-vax convinto, diceva “sono più forte del virus”»

Lo speaker radiofonico Marc Bernier muore di Covid: si faceva chiamare "Mr. Anti-Vax"

Nel suo ultimo post sul suo blog il 17 agosto, Steele aveva scritto: «Non farò il vaccino, anche se sono risultato positivo a quello che oggi chiamano Covid, ma la questione è che i miei polmoni non funzionano. La buona notizia è che sopravviverò con qualche giorno di riposo. Dovrei essere di nuovo attivo e presto funzionante».

E ha aggiunto: «Non saremo mai gli stessi perché ora sappiamo che ci hanno mentito su tutto». Domenica il suo amico Mark Tassi, un altro teorico della cospirazione, ha confermato la sua morte. «Robert è morto e l'intera faccenda è molto sospetta», ha detto Tassi in un post su Instagram. 

Caleb Wallace, no vax e leader della protesta no mask prende il Covid e muore: provò a curarsi a casa con l'Ivermectina

In un video di 14 minuti Tassi ha ipotizzato che Steele sia stato vittima di un «attacco» da parte di una «fazione vile che farà di tutto per fermare quel movimento». L'amico ha continuato affermando che Steele si era ammalato in Florida per colpa di un complotto, per indebolire il governatore repubblicano Ron DeSantis.

Tassi poi ha detto: «Stanno cercando di far sembrare cattiva la Florida. Come mai? Perché DeSantis non sta seguendo l'agenda, quindi stanno prendendo di mira la Florida. Apri gli occhi». Steele era un ex analista della Cia, ma negli ultimi anni era diventato un importante sostenitore di QAnon e di altre teorie del complotto. Ha iniziato a emettere avvertimenti sul fatto che i bambini schiavi venivano inviati su Marte, spingendo la NASA a emettere una smentita . Aveva anche sostenuto che la tecnologia «5G era un sistema di armi progettato per uccidere gli umani».

© RIPRODUZIONE RISERVATA