Mangiano carne di tartaruga velenosa: tra i sette morti anche un bambino

L'origine del veleno potrebbe essere collegata alle alghe di cui si nutrono gli animali

Mangiano carne di tartaruga velenosa: sette morti, tra cui un bambino
2 Minuti di Lettura
Martedì 30 Novembre 2021, 16:47 - Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 01:12

Intossicate dieci persone, di cui sette morte, dopo aver mangiato carne di tartaruga velenosa e anzania sull'isola di Pemba, in Tanzania. La vicenda risale a giovedì scorso, venerdì i primi sintomi, poi la morte del più piccolo della comitiva, un bambino, seguita da altri sei decessi.

La carne di questo animale è considerata una prelibatezza in Tanzania ed è apprezzata in particolare da coloro che vivono nelle isole e nelle zone costiere del Paese. Le autorità sanitarie e goverative, dopo l'episodio, ne hanno severamente vietato il consumo in tutta la regione.

Le vittime

Tre persone appartenti alla comitiva risultano ancora ricoverate in ospedale. Un altro gruppo abbastanza numeroso, 38 persone, era già stato intossicato mangiando questa carne.

«L'avvelenamento ha un impatto maggiore su bambini e anziani, ma può risultare mortale anche per adulti sani», spiega la Turtle Foundation. Lo scorso marzo in Madagascar, 19 persone, tra cui nove bambini, sono morte dopo aver mangiato carne di tartaruga. Altri casi sono stati segnalati anche in Indonesia, Micronesia e nelle isole indiane dell'Oceano Indiano.

Mangia un pezzo di pizza nel panificio e muore soffocato: arresto respiratorio

 

Le tartarughe velenose

Non si conosce con esattezza il motivo della presenza del veleno nella carne di questi animali. Ma stando a quanto scoperto dalla Turtle Fondation, l'origine del veleno potrebbe essere collegata alle alghe velenose di cui si nutrono le tartarughe.

Lorenzo Maio mangia tortellino ai gamberetti e muore a 19 anni per choc anafilattico

© RIPRODUZIONE RISERVATA