AstraZeneca, donna muore per trombosi dopo il vaccino in Australia. TGA: «Collegamento probabile»

AstraZeneca 52enne muore dopo il vaccino in Australia
3 Minuti di Lettura

In Australia, una donna di 52 anni è morta dopo aver ricevuto l'iniezione del vaccino anti Covid AstraZeneca. A riportare la notizia è il The Guardian, secondo cui il regolatore dei farmaci australiano (TGA) ha definito come "probabile" il collegamento tra la seconda morte in Australia per una sindrome da coagulazione del sangue grave e il vaccino Covid. La Therapeutic Goods Administration ha detto giovedì che la donna aveva avuto «un coagulo di sangue nel cervello noto come trombosi del seno venoso cerebrale». «Esprimiamo le nostre sincere condoglianze alla sua famiglia», ha aggiunto la TGA in una nota.

È la seconda morte in Australia probabilmente legata a trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS). La condizione si verifica quando una persona ha coaguli di sangue e un basso valore di piastrine. La prima morte australiana è avvenuta ad aprile in una donna di 48 anni.

Astrazeneca, a Genova donna di 34 anni in terapia intensiva. «Trombosi dopo prima dose»

Il dottor Indu Singh, professore associato di ematologia presso la Griffith University, ha affermato: «Il trattamento è molto ben consolidato e non è qualcosa che uccide sempre il paziente», «Sappiamo cosa cercare e, finché lo sappiamo, ne siamo consapevoli, è curabile e il trattamento è avanzato».

Ci sono state 48 segnalazioni di TTS in Australia: 35 di questi casi confermati e 13 probabili, riporta il The Guardian. Di questi, 31 sono stati dimessi dall'ospedale e si stanno riprendendo mentre due sono morti in ospedale per le condizioni.

Vaccino Pfizer, shock anafilattico dopo la prima dose: uomo di 50 anni salvato da un medico in pensione

Paul Kelly, capo ufficiale medico australiano, ha definito la morte della 52enne di giovedì come «estremamente sfortunata». «Farò notare che è solo la seconda morte, con oltre 3,6 milioni di dosi di questo vaccino somministrate in tutta l'Australia», ha affermato.

«Questo rimane un evento estremamente raro, ma quando si verifica, come abbiamo visto in questo caso, possono avere circostanze tragiche. Il mio cuore è con la famiglia e tutti gli amici e i colleghi di questa persona in particolare».

 

Giovedì 10 Giugno 2021, 10:48 - Ultimo aggiornamento: 11 Giugno, 10:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA