Akhnénaton, il rapper francese positivo al Covid. «È in ospedale, difficoltà respiratorie»

Covid, positivo il rapper francese Akhnénaton: sarebbe stato ricoverato in ospedale in difficoltà respiratoria
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Agosto 2021, 17:43 - Ultimo aggiornamento: 5 Agosto, 07:24

Il rapper Akhnénaton leader del gruppo IAM, è risultato positivo al Covid ed è stato ricoverato domenica sera al centro ospedaliero Timone di Marsiglia in Francia. Sulle sue condizioni di salute attuali e sulla malattia ci sono notizie contrastanti. In passato il cantante aveva espresso posizioni contro il Green Pass.

Contattata dall'emittente giornalistica Bfm Marseille Provence, la famiglia del rapper ha confermato che l'artista 52enne è stato ricoverato in ospedale, ma si è rifiutata di fornire ulteriori dettagli. Le caratteristiche di questo ricovero rimangono poco chiare. Secondo Bfm-Tv, Akhenaton sarebbe stato curato domenica dal pronto soccorso dell'ospedale di Marsiglia quando già si trovava in difficoltà respiratoria e avrebbe passato la notte in terapia intensiva, ma fino ad oggi sarebbe rimasto ricoverato nella struttura.

Zona gialla, la Sardegna rischia più di tutti (Sicilia e Liguria peggiorano). Cosa può accadere

Ma secondo altre fonti, come il giornale La Provenza oggi stesso ha scritto che Akhnénaton non è mai stato ricoverato in rianimazione. Il quotidiano regionale, conferma però che sarebbe certamente stato ricoverato all'ospedale La Timone, di Marsiglia ma nel reparto di medicina acuta polivalente e le sue dimissioni sarebbero previste per questa sera.

 

 

 

Gli IAM erano già stati colpiti da Covid

Il 21 luglio, il gruppo di Akhnénaton, gli IAM ha dovuto cancellare tre concerti perché uno dei membri, la cui identità era però rimasta segreta, è risultato positivo al Covid. IAM si sarebbero dovuti esibire a Saint-Raphaël lunedì e poi a Luxey ieri sera. Akhenaton ha pubblicamente manifestato la sua opposizione al Green Pass sanitario in molte occasioni.

«Io vaccinata e negativa al test Covid, da 10 giorni costretta in quarantena»: l'odissea di Raffaella

"Ripeto, Io e tutto il gruppo IAM, siamo contro il libretto sanitario e contro la vaccinazione obbligatoria, nel caso delle badanti o anche per altre professioni", ha affermato in un video pubblicato sui social nei giorni scorsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA